Gruppo 25 aprile

Piattaforma civica (e apartitica) per Venezia e la sua laguna

Archivi per il mese di “marzo, 2015”

A certi squilli di tromba, risponderà la nostra Marangona

MarangonaSabato 21 marzo: conferenza stampa per annunciare alla plebaglia locale una candidatura già annunciata altrove: a Roma, dal trio Brunetta-Salvini-Berlusconi. Dopo averci regalato un Galan alla guida della Regione Veneto, qualcuno pensa di rifilarci il suo candidato Sindaco di Venezia? Un candidato dotato di mezzi illimitati, questo è vero.. ma anche concessionario di un bene pubblico (Scuola Grande della Misericordia: comodato gratuito quarantennale, in cambio dei lavori di restaturo in corso) e proprietario di aree che necessitano di bonifiche e interventi pubblici (ai Pili), rispetto alle quali si troverebbe ad essere controllore e controllato, concessionario e concedente, finanziatore e beneficiario dei finanziamenti.

Candidato degli imprenditori? Nemmeno per sogno. Quand’era presidente della Confindustria locale (grazie anche all’appoggio di Giancarlo Galan), di lui è stato detto: “Porto Marghera sta diventando un deserto industriale, a Brugnaro non chiedo cariche ma un impegno, che finora non ho visto, a occuparsi dei problemi delle piccole e medie imprese, vale a dire i tre quarti degli associati di Confindustria veneziana che però è del tutto assente sul territorio”: http://nuovavenezia.gelocal.it/venezia/cronaca/2012/09/20/news/si-alza-la-contestazione-contro-brugnaro-1.5730570

Quanto ai potenziali conflitti di interesse che una sua eventuale elezione comporterebbe, basterà ricordare questo, frai tanti esempi: http://nuovavenezia.gelocal.it/venezia/cronaca/2013/12/15/news/nell-area-dei-pili-parcheggi-in-cambio-di-una-pista-ciclabile-1.8311468

Benvenuto a Luigi Brugnaro, ma ci risparmi almeno la farsa di spacciarla come candidatura “civica” o “trasversale” quando tutti sanno dove e come è nata la sua candidatura:

il Gruppo25Aprile

Brugnaro

Annunci

Qualche riflessione sulle primarie: un Comune, tante realtà..

SestieriVenezia

Tasso di penetrazione Primarie 2015

  1. Terraferma 3,69%
  2. Venezia e isole 7,35%

Nicolotti 9,57%

Castellani 7,01%

Totale sestieri: 8,66%

Isole contigue:

Giudecca 6,66%

Sacca Fisola 9,04%

Isole estuario:

Murano: 3,97%

Burano e Mazzorbo: 4,85%

Pellestrina: 4,68%

Lido: 5,81%

NB le percentuali non si riferiscono agli aventi diritto (dato che alle primarie poteva votare anche chi non ha diritto di voto alle elezioni, e il corpo elettorale comprendeva anche i sedicenni e i cittadini non UE) ma alla popolazione residente al 12 marzo 2015.

Primarie 15 marzo: i risultati

Dato definitivo NON ufficiale.

Votanti: 12.888

Felice Casson 7.178 voti pari al 55,62%

Nicola Pellicani 3.147 voti pari al 24,42%

Jacopo Molina 2.573 voti pari al 19,96%

Il bello e il difficile cominciano adesso.. e non intendiamo nasconderci le difficoltà. Senza trionfalismi, crediamo di aver contribuito a scegliere la persona giusta per affrontarle.

Non sarà sufficiente ma è la premessa indispensabile per ricostruire sulle macerie dell’anno zero.

VeniceRoofs

..e adesso tocca al centro-destra. Nell’interesse di Venezia, unica bussola di questo Gruppo, ci auguriamo che a sua volta esprima una candidatura autorevole e credibile, in grado di affrontare la situazione disastrata che erediterà dalle passate amministrazioni. In questo modo, chiunque vincerà le elezioni a maggio potrà contare sul nostro rispetto di Cittadini attivi. Con lo stesso criterio, ci auguriamo che in Consiglio comunale stavolta possa esserci anche un’opposizione vera che sia coscienza critica e sentinella non dormiente: quella che è mancata a Venezia in questi ultimi anni. Al M5S auguriamo di ricomporre le sue divisioni interne e di poter svolgere quel ruolo, nel prossimo Consiglio comunale.

Il Gruppo25Aprile

Venezia, location e basta? L’editoriale di Riccardo Domenichini

LiberaVenezia

Fenice

“Arrivo alle sette di sera morto di stanchezza, corro alla Scala”. È il 24 settembre 1816 e Milano, la prima delle capitali italiane che il trentatreenne Stendhal si accinge a visitare in un viaggio da lungo tempo sognato, schiude le proprie porte al non ancora illustre visitatore e si presenta a lui non con strade o parchi, regge o monumenti, ma con il più celebre dei suoi teatri. La Scala è il luogo in cui l’immagine più vera e più viva della città gli si manifesta con totale evidenza: “Il teatro della Scala è il salotto della città. Ci si riunisce soltanto lì; non si riceve in nessuna casa. Ci vedremo alla Scala, è frase corrente per ogni genere d’affari. Il primo colpo d’occhio fa venire le vertigini. Sono in estasi mentre scrivo queste righe”. Questa città del sogno che accoglie il giovane francese non è un immobile…

View original post 1.112 altre parole

Venezia e isole: quanti siamo?

7marzo2015Foto: Stefano Barzizza

Elaborazione dati: Paolo Apice

Popolazione residente al 12 marzo 2015

Santa Croce 5068

San Marco 3849

Dorsoduro 6602

San Polo 4721

Castello 11995

Sant’Elena 1869

Cannaregio 16043

Totale sestieri

50.147

Giudecca 4560

Sacca Fisola 1482

Isola di San Giorgio 5

Totale sestieri e isole contigue:

56.194

ISOLE

Murano 4430

Burano 2534

Sant Erasmo 688

Mazorbo 287

Mazorbetto 2

Vignole 60

Torcello 16

Totale città insulare

64.211

LITORALE

Lido14657

Alberoni 1019

Malamocco 1013

 Pellestrina 3803

Totale generale

84.703

 

Quale futuro per Venezia? Incontro pubblico, sabato 7 marzo

7marzo2015 LocandinaPer preparare questo incontro, abbiamo elaborato alcune schede tematiche che verranno rese pubbliche dopo l’incontro. In particolare, al Senatore Casson intendiamo rivolgere domande e proposte sui seguenti temi:

  1. Arsenale, inteso anche come opportunità di insediamento per attività imprenditoriali, artigianali, istituzionali e associative;
  2. Casa e residenzialità (edilizia pubblica e privata);
  3. Mobilità acquea e Parco Laguna Nord;
  4. Salute, sicurezza e decoro urbano;
  5. Commercio, con particolare riferimento alle problematiche di Mestre.

Moderatore:

Marco Gasparinetti

Relatori:

Carlo Beltrame, Veronica Scarpa, René Seindal, Nicola Tognon, Alessandra Regazzi

Interventi:

Paolo Apice (sociologo), Paolo Lanapoppi (Italia Nostra),

Alice Veronese (Servizio Disabili Sensoriali della Provincia di Venezia)

NB l’incontro è aperto al pubblico e alla stampa; considerate le numerose adesioni già ricevute raccomandiamo puntualità a chi volesse trovare posto a sedere: la sala ha una capienza limitata.

Gruppo25Aprile e LiberaVenezia

Navigazione articolo