Gruppo 25 aprile

Piattaforma civica (e apartitica) per Venezia e la sua laguna

Archivio per la categoria “#UNESCO: Venezia sito in pericolo?”

#AteneoVeneto 13 aprile: galleria fotografica

Il primo ad arrivare in aula magna: Christos Maliarakis (Rodi) dà gli ultimi ritocchi alla sua presentazione!

Christos

La relazione di Ljubo Nikolić, president of Srđ je Grad (Dubrovnik, l’antica Repubblica di Ragusa):

13 Ljubo by Julia

Aline Cendon e Marco Gasparinetti, per l’associazione 25 aprile Venezia:

13 Gasp by Julia

Alcuni momenti del dibattito, nell’ordine di intervento dei consiglieri comunali presenti: Ottavio Serena, Gruppo misto

13 Ottavio by Julia

Monica Sambo (PD):

13 Sambo by Julia.JPG

Sara Visman, M5S:

13 Visman by Julia

Backstage:

la sessione preparatoria al Caffé Florian (foto Christos Maliarakis):

Florian

Alcuni dei partecipanti “colti” nell’unico momento di relax, alla vigilia dell’incontro ufficiale:

cena 1

cena 2

Cena 3.jpg

Per i video della seduta plenaria rinviamo al nostro canale Youtube, ringraziando Loredana Spadon:

https://www.youtube.com/channel/UC-sfXhzUreglvd31GpX0jFg

#AteneoVeneto13thApril: Press release of the Eastern Mediterranean Coalition

Venice, 13th April 2018

Aware of our responsibilities and confident about the future of our local communities, we met today in the Florian Café for internal discussions in the morning session, and at the Ateneo Veneto of Venice for an open session which was attended by more than 100 people. Our talks resulted in the following Venice Declaration.

Together we commit

to promote sustainable tourism based on mutual respect, the protection of the environment, the preservation of our cultural and natural heritage. To achieve these objectives,

We will stand together in

raising awareness, networking, developing and exchanging good practices, advocating for better policies aimed at ensuring quality of life for both our local communities and visitors alike, and in promoting this network for sustainable islands and coastal towns, which remains open to new members.

Today in Venice we agreed

to hold the next meeting on 12 and 13 October in Kerkyra – Corfu, and to welcome the new members from Crete.

 

Βενετία 13 Απριλίου 2018

Mε επίγνωση των ευθυνών και της αισιοδοξίας μας για το μέλλον των τοπικών κοινωνιών μας συναντηθήκαμε σήμερα στο Florian Cafe για εσωτερικές συζητήσεις στην πρωινή συνάντηση μας και στο Ateneo Veneto για ανοικτή συνάντηση στην οποία συμμετείχαν περισσότερα από 100 άτομα. Οι συνομιλίες μας οδήγησαν στην ακόλουθη δήλωση της Βενετίας

Μαζί δεσμευόμαστε

Να προωθήσουμε τον βιώσιμο τουρισμό με βάση τον αμοιβαίο σεβασμό , την προστασία του περιβάλλοντος , τη διατήρηση της πολιτισμικής και φυσικής μας κληρονομιάς . Για την επίτευξη αυτών των στόχων

Θα σταθούμε μαζί για

Τη διεύρυνση της ευαισθητοποίησης ,την ανταλλαγή καλών πρακτικών, .την συνηγορία για την  προαγωγή καλύτερων πολιτικών που αποσκοπούν στη διασφάλιση της ποιότητας ζωής τόσο για τις τοπικές κοινωνίες όσο και για τους επισκέπτες ,καθώς και για την προώθηση αυτού του δικτύου για τη βιωσιμότητα των νησιών και παράκτιων πόλεων . Το Δίκτυο παραμένει ανοικτό για την ένταξη άλλων προορισμών ως μελών

Σήμερα στη Βενετία συμφωνήσαμε

Να πραγματοποιηθεί η επόμενη συνάντηση στις 12 και 13 Οκτωβρίου στη Κέρκυρα και να καλωσορίσουμε τα νέα μέλη από την Κρήτη.”

Locandina 13 aprile 2018

#AteneoVeneto 13 aprile: partecipanti accreditati

Locandina 13 aprile 2018

Grazie al “trasloco” in aula magna, l’evento è aperto anche a chi non si fosse registrato all’evento e volesse farlo sul posto, nei limiti di capienza della sala.

Ai “non accreditati” consigliamo di arrivare in aula magna alle ore 14.15; nell’attribuzione dei posti a sedere, il servizio di accoglienza (riconoscibile dal badge “25 aprile”) darà comunque la precedenza a:

I) Stampa e operatori dell’informazione

II) Le delegazioni estere:

Corfù

Alexandros Makris (President of  Σύλλογος San Giacomo)

Andreas Katsaros

Dimitrios Balatsinos

Aliki Katsarou

Tenia Rigakou

Cyprus (Pafos):

Daniella Pistenti Mouyiannou (President of Ex-Artis Association)

Susan Vargas

Ragusa (Dubrovnik)

Ljubo Nikolić (President of Srđ je Grad)

Roberto Di Lorenzo

Nikolina Farčić

Petra Marčinko

Ana Marinković

Rodi

Christos Maliarakis (President of Rhodes International Culture & Heritage Society)

Hannie Palios- van Dijk

Santorini

Gerasimos Ermogenis (President of the Oia Committee)

EU Commission:

George Stavros Kremlis

III) Consiglieri comunali

IV) i partecipanti accreditati per l’Italia:

  1. Alberti Gaia
  2. Angioi Paola
  3. Alvisi Fabrizio
  4. Antonin Flavia
  5. Barbini Francesca
  6. Barozzi Francesca
  7. Bartoloni Roberta
  8. Barutti Bruna
  9. Bellati Gian Angelo
  10. Bellati Maria Chiara
  11. Beltrame Carlo
  12. Benvenuti Alberto
  13. Bertussi Izadora
  14. Bonutto Fabio
  15. Borromeo Lucia
  16. Bressanello Alessandro
  17. Bruttomesso Elisa
  18. Buiatti Chiara
  19. Callegaro Nicola
  20. Caputo Fulvio
  21. Caputo Luisa
  22. Carpinato Caterina
  23. Casadei Andrea
  24. Cassino Anselmo
  25. Castagnetta Salvatore
  26. Castelli Enzo
  27. Caturelli Chiara
  28. Cavallari Beatrice
  29. Cavallarin Caterina
  30. Cecchini Annamaria
  31. Cecconi Giovanni
  32. Celetti David
  33. Cendon Aline
  34. Ceselin Francesco
  35. Chiesa Carlo
  36. Confuorto Valentina
  37. Cormio Rita
  38. Cotrona Alberto
  39. Croce Stefano
  40. Crociani Marianna
  41. Crovato Maurizio (delegato da Paola Mar)
  42. Culloca Lorena
  43. Cunego Valentino
  44. Danesin Cecilia
  45. D’Angelo Fabrizio
  46. De Luigi Gianni
  47. Deschamps Veronique
  48. DeVlieg Mary Ann
  49. De Vettor Giorgio
  50. Di Cataldo Gina
  51. Di Puorto Silvana
  52. Dina Manfredo
  53. Dissera Francesca
  54. Donaggio Adriano
  55. Donaggio Davide
  56. Duse Frank
  57. Dussin Tobia
  58. Eddy Nicola
  59. Fassina Giovanni
  60. Ferrara Daniele
  61. Ferrata Elena
  62. Fersuoch Lidia
  63. Fiano Maria
  64. Fogliata Renzo
  65. Foschi Francesco
  66. Freguia Irina
  67. Frosini Nicoletta
  68. Gagliardi Maria Grazia
  69. Gasparinetti Marco
  70. Gerotto Anna
  71. Gerotto Marina
  72. Ghigi Giancarlo
  73. Girardi Cristina
  74. Giussani Cristina
  75. Gottardi Michele
  76. Gregolin Tiziana
  77. Koukoutselos Panagiotis
  78. Lando Maurizio
  79. Lapiccirella Flavio
  80. Licandro Orazio Antonio
  81. Liosatou Eugenia
  82. Lobina Laura
  83. Loi Maurizio
  84. Lombardo Fabio
  85. Macaluso Francesco
  86. Maddalena Giorgio
  87. Manfredi Dina
  88. Marchetto Maurizio
  89. Marengo Barbara
  90. Marin Anna
  91. Mastroianni Marco
  92. Menegazzi Prem Elena
  93. Menetto Silva

  94. Messinis Anna
  95. Milner Eleonora
  96. Nikitina Iuliia
  97. Nordio Silvia
  98. Olivi Pierluigi
  99. Oselladore Nevio
  100. Paipeti Olita
  101. Pardo Daniel
  102. Parkinson Paul
  103. Pasqual Paola
  104. Paternoster Luciano
  105. Pelizzato Giovanni
  106. Pellizzon Dario
  107. Pellidis Giorgio
  108. Penzo Tiziana
  109. Peris Cesare
  110. Pezzini Plevano Carla x2

  111. Piastra Lucia
  112. Piccitto Giovanna
  113. Piccoli Matteo
  114. Radich Lucio
  115. Ragazzi Stefano
  116. Raimondo Simonetta
  117. Ranieri Francesca
  118. Reski Petra
  119. Riu Elena
  120. Rizzardo Stefania
  121. Romieri Cristina
  122. Romor Luigina
  123. Riu Elena
  124. Rosati Fiorenzo
  125. Rossi Lina
  126. Rosteghin Emanuele
  127. Rubini Edoardo
  128. Salvato Angela
  129. Sambo Monia
  130. Sassi Lorenzo
  131. Scarpa Iva
  132. Scarpa Lucia
  133. Schiavon Elena
  134. Scurati Marco
  135. Seindal René
  136. Sensini Claudio
  137. Serena Ottavio
  138. Signorato Valeria
  139. Soliani Silvia
  140. Sonino Alberto
  141. Spadon Loredana
  142. Stamou Caterina
  143. Steffinlongo Paolo
  144. Suppiej Giorgio
  145. Tessarin Pietro
  146. Theotoki Olga
  147. Thorne Olivari Federica
  148. Tiberi Maria
  149. Toffolo Carla
  150. Tognon Nicola
  151. Vachino Patrizia
  152. Vanzan Marchini Nelli
  153. Velo Luca Giulio
  154. Venturini Giulia
  155. Venturini Guido
  156. Vernier Claudio
  157. Veronese Alice
  158. Vianello Ada
  159. Vianello Gian Luigi
  160. Vianello Giovanni
  161. Visentin Francesco
  162. Vidal Massimo
  163. Visman Sara
  164. Volpato Luca
  165. Zafalon Sebastiano
  166. Zafiropoulos Dimitrios
  167. Zennaro Martina

Un grazie alla stampa italiana e straniera che in questi giorni ha fornito ampie anticipazioni su questo incontro, a conferma dell’interesse che sta suscitando in Italia e all’estero:

https://www.thetimes.co.uk/article/tourist-hotspots-dubrovnik-rhodes-santorini-corfu-paphos-in-cyprus-and-venice-fight-airbnb-deluge-j8b9n3npz

 

 

 

 

 

#AteneoVeneto, conto alla rovescia meno 2!

11 aprile 18 Twitter version

4 aprile Nuova Venezia

9 aprile 2018 NV

13 aprile all’Ateneo Veneto, il programma definitivo

Locandina 13 aprile 2018

In considerazione dell’affluenza superiore al previsto, con più di 120 partecipanti già accreditati e altri in arrivo, l’evento “trasloca” in Aula Magna e il programma della sessione plenaria è modificato come segue, al fine di dare più spazio alle domande e agli interventi del pubblico e della stampa presente.

14.30 Welcome speech by the President of Ateneo Veneto, ambassador Gianpaolo Scarante

14.40 Introductory Speech by Aline Cendon, associazione 25 aprile Venezia

15.00  Σύλλογος San Giacomo (Corfù/Kerkyra): Andreas Katsaros, Aliki Katsarou, Tenia Rigakou

15.40 Srđ je Grad (Dubrovnik/Ragusa): Ljubo Nikolić, Ana Marinković, Petra Marčinko

16.10 Rhodes International Culture & Heritage Society (RICHeS): Christos Maliarakis

16.30 Oia Committee (Santorini) : Gerasimos Ermogenis

16.45 ex Artis Cultural Association (Pafos, Cipro) : Daniella Pistenti Mouyiannou

17.00 Associazione 25 aprile Venezia: Elena Riu

17.15 Questions and discussion

Moderatore: Marco Gasparinetti (President associazione 25 aprile Venezia).

18.00 Conclusions by Georges Stavros Kremlis, Direttore onorario Commissione europea (UE)

18.15 Working plan and announcement of the next meeting: Alexandros Makris (President Σύλλογος San Giacomo).

http://m.nuovavenezia.gelocal.it/venezia/cronaca/2018/04/09/news/citta-del-mediterraneo-unite-per-farsi-sentire-1.16694947

Med Map

 

Ateneo Veneto 13 aprile, il programma

Venezia 13 aprile

Ateneo Veneto (campo San Fantin, di fronte al teatro La Fenice)

14.30 Welcome speech by the President of Ateneo Veneto, ambassador Gianpaolo Scarante

14.40 Introductory Speech by Aline Cendon, associazione 25 aprile Venezia

15.00  Σύλλογος San Giacomo (Corfù/Kerkyra): Andreas Katsaros, Aliki Katsarou, Tenia Rigakou

15.40 Srđ je Grad (Dubrovnik/Ragusa): Ljubo Nikolić, Ana Marinković, Petra Marčinko

16.10 Rhodes International Culture & Heritage Society (RICHeS): Christos Maliarakis

16.40 Oia Committee (Santorini) : Gerasimos Ermogenis

17.00 ex Artis Cultural Association (Pafos, Cipro) : Daniella Pistenti Mouyiannou

17.20 Associazione 25 aprile Venezia: Elena Riu

17.30 Questions and discussion

Moderatore: Marco Gasparinetti (President associazione 25 aprile Venezia).

18.00 Conclusions by Georges Stavros Kremlis, Direttore onorario Commissione europea (UE)

18.15 Working plan and announcement of the next meeting: Alexandros Makris (President Σύλλογος San Giacomo).

Un’iniziativa di: associazione 25 aprile Venezia e Σύλλογος San Giacomo Corfù.

Avvertenze:

  1. Le relazioni verranno svolte in lingua inglese. Per il dibattito è prevista traduzione consecutiva da/per le seguenti lingue: greco, inglese e italiano;
  2. In considerazione della forte affluenza prevista per questo incontro, il nostro servizio di accoglienza disporrà di una lista delle persone accreditate, che avranno precedenza nell’attribuzione dei posti a sedere.
  3. Nel corso dell’incontro verrano presentati i dati raccolti con il questionario inviato a tutte le associazioni partecipanti e le linee di azione comuni che verranno approfondite nei mesi a venire, in vista del secondo incontro. Per maggiori informazioni e/o richieste di accredito l’indirizzo da utilizzare è: 25aprileVenezia@gmail.com

Galleria fotografica:

  1. la Rhodes International Culture & Heritage Society (RICHeS) che parteciperà all’incontro in rappresentanza di Rodi.
  2. Flussi turistici a Dubrovnik (Ragusa) che conosce problemi molto simili a quelli di Venezia (foto Srđ je Grad ).
  3. La piazza del Municipio di Corfù (foto Σύλλογος San Giacomo).
  4. Un’immagine del sito Unesco di Pafos (foto Daniella Pistenti Mouyannou).
  5. Il logo dell’evento.
  6. Una delle iniziative organizzate dall’associazione 25 aprile Venezia: la riapertura del cinema all’aperto in campo San Polo, alla vigilia della Mostra del Cinema 2017.

Rodi

Dubrovnik

Corfù Town Hall Sqr (2).jpg

Pafos

Locandina 13 aprile 2018

Foto Julia 1

Ateneo Veneto 13 aprile, un’iniziativa senza precedenti

Sei città costiere del Mediterraneo orientale, sei realtà civiche a confronto. Custodi di un patrimonio storico, ambientale e architettonico inestimabile, testimoni della pressione turistica che ne consegue e che secondo tutte le previsioni è destinata ad aumentare.

Per confrontare le esperienze e le priorità rispettive, l’incontro inaugurale che terrà a battesimo questa rete di associazioni si svolgerà nei prestigiosi locali dell’Ateneo Veneto il 13 aprile alle 14.30 (sala Tommaseo) ed è organizzato dall’associazione 25 aprile Venezia. Il secondo si terrà a Corfù nel mese di ottobre con l’obiettivo di formalizzare la rete e i valori condivisi che ci proponiamo di difendere e rappresentare, consapevoli della necessità di fare rete e “fronte comune” anche per essere interlocutori credibili delle organizzazioni internazionali che a parole hanno manifestato grande apertura ai “portatori di interesse” (stakeholders) e fra i loro compiti istituzionali hanno quello di contribuire a preservare questi tesori il cui valore trascende quello puramente nazionale.

Quello che segue è il programma provvisorio dell’incontro, che verrà finalizzato nei prossimi giorni. Per ragioni di capienza della sala, l’accesso alla stampa e al pubblico sarà riservato alle persone “accreditate” con invito nominativo. Per ricevere l’invito, nei limiti dei pochi posti disponibili rimasti, potete scrivere a: 25aprileVenezia@gmail.com

Locandina 13 aprile 2018

Ateneo Veneto 13 aprile 2018 (sala Tommaseo)

Ore 14.30 Saluto del Presidente dell’Ateneo Veneto, ambasciatore Gianpaolo Scarante

14.40 Introduzione di Aline Cendon, associazione 25 aprile Venezia

Ore 15 relazioni di:

Corfù

Σύλλογος San Giacomo

Ragusa (Dubrovnik)

Srđ je Grad

Rodi

Rhodes International Culture & Heritage Society (RICHeS)

Santorini

Oia Committee

Cipro (Pafos)

ex Artis Cultural Association

Venezia

Associazione 25 aprile

17.30 Domande e dibattito (le sei associazioni saranno presenti con i Presidenti rispettivi)

18.00 Sintesi di Georges Stavros Kremlis, Direttore onorario Commissione europea (UE)

Programma di lavoro e annuncio prossimo incontro: Alexandros Makris (Presidente Σύλλογος San Giacomo Corfù)

Moderatore: Marco Gasparinetti (associazione 25 aprile Venezia).

NB Le relazioni verranno presentate in lingua inglese; per il dibattito in sala è prevista interpretazione consecutiva nelle seguenti lingue: greco, inglese e italiano.

 

Fiducia tradita, fiducia perduta

Con il rinvio al 2019 del dossier “Venezia”, deciso senza nemmeno una discussione, come se fosse una noiosa pratica da nascondere in fondo a un cassetto, l’UNESCO ha tradito la nostra fiducia.

Non vogliamo nemmeno entrare nel merito delle motivazioni risibili del rinvio, perché rischieremmo di offendere qualcuno. La nostra risposta come gruppo l’abbiamo già data, domenica 2 luglio, davanti a quel palazzo di cui siamo NOI a pagare le bollette:

P1000128.JPGNella foto: Palazzo Zorzi, sede veneziana UNESCO

Per chi volesse approfondire:

Quando l’UNESCO fa FIASCO, è il momento dell’orgoglio

Sindaco inconcludente, regione assente e ministri compiacenti possono forse sperare di prendere in giro l’UNESCO che è lontana – e a quanto pare ci sono riusciti – ma chi vive o lavora qui tocca con mano ogni giorno i troppi problemi irrisolti, dalla mancanza di case e lavoro qualificato ai danni provocati da un turismo di massa e di bassa qualità che tutto piega alla sue esigenze e sta devastando il tessuto sociale con l’espulsione continua di residenti e la scomparsa dei negozi di vicinato, le attività artigianali sacrificate alla paccottiglia prodotta in serie, il traffico acqueo al collasso.
Venezia merita di meglio. Ai cittadini e alle cittadine, ai sindacati, ai comitati e alle realtà associative chiediamo uno scatto di orgoglio per dire a voce alta che è ora di voltare pagina.
Il 2 luglio manifesteremo uniti, senza bandiere di partito, per reclamare il nostro diritto di restare o ritornare a vivere in quella che alcuni vorrebbero ridurre a semplice vetrina, priva di vita e di abitanti.
voglio vivere cop FB
Lo faremo il 2 luglio che è il secondo compleanno della giunta in carica (“dategli tempo” o “lasciamoli lavorare” non è più una scusa credibile) e coincide anche con l’inizio della sessione UNESCO che avrebbe dovuto prendere una decisione su Venezia. Avrebbe dovuto, ma non lo farà. Come mai?

Al primo anno di giurisprudenza, quando viene spiegata la differenza fra “termini perentori” e “termini ordinatori” (quelli privi di sanzione), ai secondi viene associato il termine ironico “canzonatori”. Quelli fissati dall’UNESCO sono termini canzonatori. Prendiamone atto: il termine del primo febbraio 2017 per il caso Venezia, già rinviato al 30 aprile e allegramente ignorato dalle autorità italiane, è stato ora prorogato al 31 dicembre 2018, se le conclusioni del documento che qui pubblichiamo verranno confermate dalla sessione del “World Heritage Committee” che si riunirà a partire dal 2 luglio – ma per quel che riguarda Venezia sarà una semplice formalità.

Conseguenza pratica: tutto rinviato all’estate del 2019, alla quarantatreesima sessione di quel Comitato che si riunisce soltanto una volta all’anno.

UNESCO 2018

Vengono in questo modo premiate le manovre dilatorie e le piccole furbizie che a furia di cambiare le carte in tavola miravano esattamente a questo risultato, e gravemente indebolita ne risulta, a nostro modo di vedere, l’autorità morale di chi fissa scadenze creando aspettative e speranze nell’opinione pubblica,  senza poi farle rispettare.

Ci dispiace per l’UNESCO, ma d’ora in poi faremo da soli, perché la fiducia tradita non ritornerà e i problemi di Venezia non possono attendere l’estate del 2019.

Rispetto all’anno scorso la popolazione residente nella città d’acqua è calata di mille persone circa, che si aggiungono ai mille già persi nell’anno precedente. Flussi turistici: l’unica misura annunciata riguarda un “contaturisti”, come se ne avessimo bisogno per sapere quando sono troppi. Grandi Navi: son sempre là, a ridosso delle nostre case. Quelle che si sgretolano sotto la pressione del moto ondoso causato da un traffico acqueo fuoro controllo, con i contributi alle spese di restauro azzerati perché il MoSe si è mangiato tutte le risorse della Legge Speciale.

DOMENICA 2 LUGLIO, MANIFESTAZIONE CITTADINA UNITARIA per Venezia.

Hanno già aderito (in ordine alfabetico):

Assemblea Sociale per la Casa
Asolapo Italia
Comitato per la restituzione dell’Arsenale a Venezia
Effetto Venezia
Forum Futuro Arsenale
Generazione 90
Gruppo25Aprile
Gruppo WSM
Italia Nostra
L’Altra Venezia
Movimento Autonomia di Mestre
Possibile
Sanca veneta
Scendiamo in campo
Società di Mutuo Soccorso Carpentieri e Calafati
Sindacato Unione Inquilini Venezia
Venessia.com
Venezia Arte Cultura & Turismo
Venezia Cambia
Venezia-Mestre Due Grandi Città
VeneziaMioFuturo
Verdi Ambiente Società
Daniele Giordano, Segretario Generale CGIL-FP Venezia
Mario Ragno, Segretario Generale UIL-FPL Venezia
 voglio vivere cop FB
Il testo dell’appello comune a tutti noi:
Il 2 luglio manifesteremo uniti, senza bandiere di partito, per reclamare il nostro diritto di restare o ritornare a vivere in quella che alcuni vorrebbero ridurre a semplice vetrina, priva di vita e di abitanti”.
Domenica 2 luglio alle 11, appuntamento in Campo dell’Arsenale.

 

Faremo, faremo, faremo..

“Ghea podemo far” era lo slogan elettorale del sindaco in carica, che si era forse dimenticato di spiegare come quel verbo lo avrebbe declinato soltanto al futuro, rinviando ogni decisione di mese in mese.. e presto saranno due anni di mandato senza che nessuno dei problemi della città sia stato risolto.

“Faremo questo, faremo quello”, ma più avanti, è la sintesi perfetta delle risposte alle raccomandazioni dell’UNESCO: le famose “70 pagine” pomposamente presentate alla stampa in data odierna dopo che per più di un mese erano state negate a tutti consiglieri comunali compresi. Il documento è datato 31 gennaio, il che ha portato molti a chiedersi come abbia potuto essere stato presentato il 24 (data della sua missione a Parigi con grande codazzo al seguito) ma cosa importa, quello che a noi interessa sono i contenuti e allora parliamone.

  1. Residenzialità? Liquidata in poche righe, lo “svuotamento” (sic) di Venezia è un “elemento fisiologico” (sic). Quanto alle misure che il Comune potrebbe o avrebbe già potuto prendere da subito per incentivare sul piano tariffario la residenzialità (anziché aumentare la TARI come ha fatto a dicembre) sono rinviate alle risultanze di non meglio precisati “studi” che sarebbero stati avviati (quando? Con che risultati?) Leggere per credere, pagina 32:CB residenti.jpg
  2. Nell’ansia di negare anche l’evidenza, in risposta ai rilievi dell’ UNESCO che giustamente si preoccupa dello spopolamento di Venezia vengono citati dati sbagliati o comunque datati: la popolazione di Venezia non è di 55.048 ma di 54.502 residenti e quella complessiva (isole comprese) è di quasi 700 unità inferiore a quella dichiarata ai fini UNESCO (82.658 contro 83.340). Il confronto con il dato di inizio mandato è impietoso per questo sindaco, visto che la perdita di residenti si è accelerata anziché arrestarsi o rallentare:

https://gruppo25aprile.org/la-prova-del-9-o-dei-30-000/

Prossimo argomento, saremo più fortunati? La priorità per i residenti in Laguna sarebbero i parcheggi per le automobili (che molti di noi non hanno) all’aeroporto di Tessera:

CB aeroporto

..e questo sarebbe il “il concreto e vitale impulso per il sostegno alla residenzialità” a Venezia (fine citazione). Nella prossima foto, che risale a due giorni fa, i veneziani in marcia per reclamare più parcheggi e meno alberi – o era forse il contrario, quello che chiedevano?

mm 6

Nuova rotta per le grandi navi? Su questo punto il documento raggiunge vette di comicità inedita e inaudita. A parte il disegnino da quinta elementare che illustra il nuovo canale da scavare in mezzo a un’isola artificiale creata con i fanghi di Porto Marghera (che non sono quelli di Abano Terme), il documento afferma che lo scavo delle Tresse serve a “massimizzare l’impiego dei canali esistenti limitando il tempo di percorrenza utilizzato”. Una rotta che passa dai 9 km attuali a 25 km con tanto di senso unico alternato sul suo percorso, per arrivare allo stesso punto di destinazione, limiterà il tempo di percorrenza?

Non sappiamo chi ringraziare per questa perla di saggezza, ma a ridere sotto i baffi potrebbe esserci la Rimorchiatori Riuniti che ha finanziato la campagna elettorale del sindaco, al punto da farci dubitare della sua terzietà in materia di grandi scavi:

https://gruppo25aprile.org/category/il-mistero-dei-rimorchiatori-fucsia/

Una rotta più lunga di quella patrocinata dal Sindaco è difficilmente immaginabile: ci sarebbe quella che per fare arrivare le Grandi Navi alla Marittima attuale entrando da Malamocco le fa passare anche da Burano per completare la circumnavigazione della Laguna offrendo una panoramica completa di tutte le sue isole, ma di mezzo c’è il ponte della Libertà e per adesso hanno dovuto soprassedere. La giustificazione della nuova rotta la trovate qui, a pagina 49:

CB Tresse

Per il resto (flussi turistici, moto ondoso e altre raccomandazioni UNESCO) le 70 pagine sono una lunga lista di “faremo, faremo, faremo”: a partire dall’estate 2017 e cioè DOPO il Comitato che si riunisce il 2 luglio a Cracovia per decidere se Venezia debba essere inserita nela lista dei siti in pericolo. Dopo e non prima. Che peccato.. L’UNESCO si fiderà delle promesse? Il Sindaco sembra crederci:

rapporto conclusioni

L’antefatto:

24 gennaio 17

24 gennaio Giorgia24 gennaio Vera.jpg

Navigazione articolo