Gruppo 25 aprile

Piattaforma civica (e apartitica) per Venezia e la sua laguna

Archivi per il mese di “ottobre, 2018”

Concorso fotografico: termine prorogato al primo novembre!

A causa dell’acqua alta eccezionale che ha colpito Venezia e la sua Laguna nelle ultime 48 ore, il termine per l’invio delle foto che comporranno il calendario 2019 è prorogato di 48 ore e quindi fino alla mezzanotte del primo novembre, ferme restando le altre condizioni qui indicate:

https://gruppo25aprile.org/2018/10/26/concorso-fotografico-ultimi-giorni/

Nel ricordare che i proventi del calendario 2018 hanno contribuito a permettere a una famiglia sotto sfratto di trovare un altro alloggio a Venezia, e che il ricavato del calendario 2019 verrà destinato ad analogo scopo con il secondo bando di gara in favore della residenzialità, vi invitiamo a partecipare numerosi/e.

Quelle che seguono sono alcune foto scattate nella giornata “calda” del 29 ottobre, opera di Aline Cendon (fuori concorso e non “candidabili” dato che la brava Aline è uno dei nostri portavoce).

In calce a questo avviso, l’articolo di Vera Mantengoli (Nuova Venezia) che riassume la nostra posizione sull’acqua alta del 29 ottobre; su questo argomento siamo stati fra l’altro intervistati in diretta dalla BBC, che ha dato voce ai residenti nel suo telegiornale delle 10 (“BBC News at Ten”).

Concorso fotografico, ultimi giorni!

Ultimi giorni per inviarci le vostro foto: il termine è il 30 ottobre!

Le 12 fotografie selezionate per il calendario 2019 verranno esposte presso lo spazio espositivo della scoletta di San Giovanni in Bragora a partire dal 25 novembre, e resteranno esposte fino a Natale. I vincitori e le vincitrici verranno inoltre invitati alla conferenza stampa di presentazione del calendario, domenica 25 novembre.
Scopo del calendario, che verrà stampato in 500 esemplari e proposto agli iscritti con la formula dell’offerta libera, è quello di finanziare il prossimo bando di gara in favore della residenzialità, con modalità simili a quelle seguite nel 2018.
Ogni partecipante potrà inviare un massimo di 3 foto. Le fotografie vanno inviate tramite email a:
calendariovenezia2019@gmail.com
entro e non oltre il 30 ottobre 2018.

Riepiloghiamo qui di seguito le principali indicazioni utili, già pubblicate in data 30 settembre insieme con le altre condizioni del bando:

https://gruppo25aprile.org/2018/09/30/calendario-2019-bando-di-selezione-per-12-foto/

CONTEST fotografico per il calendario 2019

Articolo 1: FINALITA’

Realizzazione del calendario 2019 che verrà distribuito dalla “Associazione 25 Aprile Venezia” con la formula dell’offerta libera. Il 100% del ricavato sarà vincolato al secondo bando di gara per la residenzialità e il suo scopo è esclusivamente benefico.

Articolo 2: OGGETTO

Il calendario (da muro) conterrà 12 foto selezionate tra quelle inviate; la grafica sarà simile a quella del calendario 2018 ed è affidata alla Etra Comunicazione. La tiratura indicativa prevista è pari a mille esemplari.

Articolo 3: MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE

 La partecipazione è gratuita
 Il concorso è aperto ai fotografi professionisti di ogni età e provenienza.
 Sono esclusi dal concorso fotografico i componenti del consiglio direttivo della Associazione 25 aprile Venezia e i loro famigliari in linea retta o conviventi, fratelli e sorelle inclusi.

Articolo 4: TEMA

Il tema per il calendario 2019 è: Venezia, la sua Laguna, i suoi abitanti, i suoi mestieri”.

In questo il calendario sarà sensibilmente diverso da quello del 2018, che era stato realizzato con le nostre foto di archivio:

Comunicato stampa congiunto – versione italiana

Sabato 20 ottobre 2018, presso il simbolico palazzo del Parlamento Ionico, nella città di Corfù, è stato firmato lo Statuto per l’istituzione della Rete Civica delle città storiche del Mediterraneo orientale che riunisce:

“Associazione San Giacomo” di Corfù, “Associazione 25 aprile” di Venezia, “Udruga Grad” di Ragusa (Dubrovnik), “exARTIS” di Paphos (Cipro) “RICHes” di Rodi e “Regno di Candia” dell’isola di Creta.

La firma dello Statuto ha suggellato i tre giorni di incontro, comprendenti seminari tecnici e un evento principale aperto al pubblico durante il quale sono state esposte le relazioni delle città aderenti e di esperti invitati dall’Associazione “San Giacomo”.

Gli obiettivi della “Rete civica delle città storiche del Mediterraneo”, così come da Statuto, pongono l’accento sulla conservazione del patrimonio culturale dei Siti membri, la tutela e la promozione della loro identità culturale, la preservazione della loro sostenibilità e la prevenzione e il contrasto, ove necessario, di minacce quali l’overtourism, fornendo le basi per città vivibili e a misura d’uomo.

Per il conseguimento di tali obiettivi, le organizzazioni partecipanti scambieranno esperienze, collaboreranno con le organizzazioni europee e internazionali come l’UNESCO e perseguiranno la cooperazione con partners strategici e altri portatori di interesse della società civile. Attraverso la collaborazione reciproca, tutti i membri della Rete offriranno il proprio contributo su diversi campi tematici per l’attuazione degli obiettivi e delle priorità della Rete.

Una piattaforma on-line in via di creazione offrirà un canale di collaborazione aperto a tutte le parti interessate e consentirà ad altre associazioni di focalizzarsi sugli stessi principi e valori per aderire alla Rete.

La Presidenza annuale della Rete seguirà un sistema a rotazione cominciando da Venezia, e a seguire andrà a Corfù e Ragusa (Dubrovnik). Le riunioni annuali si terranno presso la città che detiene la Presidenza di turno (a partire da Venezia, nel maggio 2019).

Nella foto (Christos Maliarakis):

il palazzo ducale di Venezia e il palazzo del governatore di Rodi

Rete Civica del Mediterraneo Orientale, Press Release

Corfù Presidenza     

PRESS RELEASE

On Saturday 20 October 2018, at the emblematic building of the Ionian Parliament, in the town of Corfu, the Statutes establishing the Civil Society Network of Historical cities of the Eastern Mediterranean were signed by the partners “San Giacomo” Association from Corfu, “Associazione 25 Aprile” from Venice, “Udruga Grad” from Dubrovnik, “exARTIS” from Paphos, Cyprus, “RICHes” from Rhodes and “Regno di Candia” from Crete.

The signing of the Statutes sealed the 3-day meetings including workshops and a main Open event during which presentations were made by the members and special experts invited by the “San Giacomo” association.

The aims of the “Civil Society Network of Mediterranean Historical cities”, as set in the Statutes put an emphasis on the conservation of their cultural heritage, the protection and promotion of their cultural identity, the cooperation for their sustainability and the prevention and tackling, where required, of threatening phenomena, such as over-tourism, providing bases for livable cities.

In order to fulfil their objectives, the participating organizations will exchange experience, collaborate with European and International Organizations, such as UNESCO, seek the cooperation of strategic partners and bodies and other Civil Society stakeholders.  Through collaboration all members of the Network will offer their input on different thematic fields towards the creation and implementation of the Network’s objectives and priorities.

An on-line collaboration platform, which will be implemented as one of the Netowrk’s first priorities,  should provide open collaboration channel for all interested parties and empower other associations focused on the same principles and values to join the Network.

According to the Statutes, the yearly Presidency of the Network will follow a rotation system, beginning from Venice, while Corfu and Dubrovnik will follow.  The yearly meetings of the members will take place at the city holding the Presidency each time.

(nella foto: l’articolo di Eugenio Pendolini, Nuova Venezia 20 ottobre)

 

Comunicazione di servizio

L’assemblea ordinaria dell’associazione 25 aprile è convocata per domenica 28 ottobre alle ore 17, nella scoletta di San Giovanni in Bragora sita al civico 3811B di Castello (fermata Arsenale), con l’ordine del giorno indicato in calce alla presente.
Come prescritto dallo Statuto, copia dell’ordine del giorno (già inviato a soci fondatori e sostenitori) viene pubblicata anche sulle pagine internet e facebook del “25 aprile”.
Per informazioni e domande di adesione, l’indirizzo dell’associazione è:
25aprileVenezia@gmail.com
Bragora 4
Ordine del giorno:
  1. Verifica numero legale ed eventuali modifiche all’OdG.
  2. Calendario 2019 e altre fonti di finanziamento per il II° bando di gara residenzialità.
  3. Relazione del direttivo uscente (compreso aggiornamento sulla presidenza della rete civica del Mediterraneo orientale, che è stata affidata alla nostra associazione).
  4. Programma di lavoro per i prossimi 12 mesi.
  5. Elezione Presidente, vice-Presidente e altri membri del direttivo.
  6. Iscrizione all’albo comunale delle associazioni: pro e contro.
  7. Varie ed eventuali.

La crisi di Rialto, raccontata dai numeri

Quando i numeri parlano più di mille discorsi..

Domenica 21 ottobre, l’incontro sull’area realtina nella nostra sede in Bragora si è aperto con l’introduzione di Nicoletta Frosini, docente e vicepresidente dell’associazione 25 aprile Venezia, che ha illustrato i risultati della sua ricerca sul campo.

Ne riproduciamo qui una sintesi, mettendola a disposizione di chi potrebbe e dovrebbe intervenire per evitare la scomparsa di un mercato millenario, nel cuore di Venezia:

AREA REALTINA

DATI ESERCIZI COMMERCIALI

I) Numero postazioni Ortofrutta :

1994: 85

2007: 40

2015: 32

2018: 29

a cui corrispondono solo 16 attività di cui 10 a operatori veneziani e 6 a operatori stranieri.

Bragora 21 otto 18 Nicoletta

II) Banchi del pesce (attività):

1994: 19 

2007: 18

2015:17

2018: 11

III) Macellerie (da Ruga Rialto a Rialto Mercato compresa calle dei Botteri)*

Anni ’50: 30 botteghe

1973: 14

1980:10

2007: 6

2017: 5

2018: 2

Bragora 21 otto Giaretta

IV) Orefici **

Anni 70: 33

2017: 3

2018: 1

  • Dati ricavati da indagine presso macelleria Ragazzo, Rialto
    ** Dati illustrati dall’ultima orefice rimasta: Maya Pirona

Nella prima foto: Nicoletta Frosini illustra i dati inediti raccolti.

Nella seconda: Gabriella Giaretta (presidente del Comitato Rialto Novo) e Maya Pirona: l’unica orefice rimasta in ruga degli oresi (che deve il suo nome a quel mestiere in via di estinzione).

Nella terza: la locandina dell’incontro.

Bragora 21 otto 18 Vitalba

Rialto: l’appello di Andrea Vio

Nel corso dell’incontro dedicato all’area realtina, Andrea Vio ha presentatato il suo appello ai comitati e associazioni cittadine. L’assemblea riunita lo ha messo ai voti e all’unanimità ha deciso di sostenerlo, disponendone la pubblicazione su questa pagina e sulla pagina facebook:

https://www.facebook.com/veneziamiofuturo

In apertura dei lavori, Nicoletta Frosini aveva presentato i numeri della sua ricerca – che pubblichiamo a parte – e Maya Pirona aveva ricordato che dei 33 orefici operanti negli anni 70, in “ruga degli oresi” ormai è rimasta soltanto lei.

Nella prima foto, in senso orario: Nicoletta Frosini, Gabriella Giaretta, Maya Pirona, Andrea Vio, Gino Mascari e Stefano Croce.

Nella seconda foto: l’articolo del Gazzettino a firma Michele Fullin

Bragora 21 otto 18 Ste

 

APPELLO A TUTTE LE ASSOCIAZIONI PER LA VITA DI VENEZIA

Salve a tutti voi, noi operatori del mercato di Rialto con diverse entità associative portiamo avanti un movimento teso a salvaguardare la vita stessa di VENEZIA.

Noi lottiamo per Rialto e il suo Mercato e Rialto come simbolo della città soffre dei mali dello stesso tessuto urbano: spopolamento, sofferenza dei mestieri tradizionali che costituiscono il tessuto vitale e connettivo della città, piccolo commercio, artigianato, mancanza di alloggi per i residenti, esodo delle attività lavorative, mancanza di spazi ai veneziani sottratti per esigenze turistiche.

IL TEMPO PER COLTIVARE IL PROPRIO ORTICELLO E’ FINITO.

Ogni Associazione nel cui ambito ci sia la cura, la tutela, la preservazione della città e delle tradizioni è chiamata ad unirsi e formare un unico movimento per la città, perché la posta in gioco è LA VITA STESSA DI VENEZIA.
Voi come entità associative siete l’humus della città, la terra fertile su cui far germogliare il futuro di Venezia, ognuno con i carismi e le proprie potenzialità.
Ognuno di noi vede con i suoi occhi la città che cambia molto velocemente e il panorama è desolante: da abitazioni di famiglia a B&B, da laboratori a take away, da negozi di vicinato a bazar di chincaglierie, quello che una volta avveniva in dieci anni ora succede in uno.

La globalizzazione non può e non deve fagocitare Venezia, perché Venezia è una città unica al mondo, le sue strade sono di acqua e la gente si incontra per strada e si racconta l’amore per la città.

DOBBIAMO CHEDERE CON URGENZA UNA POLTICA A PROTEZIONE, MANTENIMENTO E
SVILUPPO DELLA CITTA’ VIVA E FARLO TUTTI INSIEME CON FORZA.
“VENEXIA XE UN PESSE E RIALTO EL SO CUOR E COL SE FERMA VENEXIA MOR”.

Per VENEZIA e Rialto
Andrea Vio

Bragora 21 otto 18 Fullin

 

 

Oggi in Bragora:

QUALE FUTURO PER L’AREA REALTINA?

Incontro dibattito con gli operatori dell’area realtina e i residenti

Ore 17

Introduzione:

Nicoletta Frosini per Gruppo25Aprile – Veneziamiofuturo
INTERVENTI:
Gabriella Giaretta, presidente Comitato RialtoNovo

Gli operatori :

per gli orafi: Maya Pirona di “L’Artisticamaia”
per gli artigiani: Nerone Pagano, calzolaio e artista
per gli esercenti e Rialto mio: Gino Mascari
per i banchi del pesce: Andrea Vio

Bragora 21 ottobre
Ore 18.15 dibattito con gli interventi di residenti e di altri operatori dell’area realtina.

Il disegno è di Alessandra Vitalba.

#BrAgorà: il programma delle prossime settimane

 Nel disegno: lo spazio civico inaugurato domenica scorsa in campo de la Bragora e le persone che lo animano, visti da Alessandra Vitalba

Bragora Vitalba

Domenica 21 ottobre alle 17:

“Quale futuro per l’area realtina” – a cura di Nicoletta Frosini.

Domenica 28 ottobre alle 15:

Riunione dei volontari che a titolo gratuito garantiranno la permanenza del sabato ampliando la fruibilità della sede, a partire da novembre.

Domenica 28 ottobre alle 17:

assemblea generale associazione “25 aprile Venezia”.

Domenica 4 novembre alle 17:

#CineBragora – a cura di Loredana Spadon

Domenica 11 novembre alle 14.30:

#VeneziaGioca, a cura di Andrea Pavan.

Domenica 11 novembre alle 17:

Residenzialità e nuova legge regionale sulle locazioni turistiche – a cura di Marco Gasparinetti.

Venerdì 16 novembre alle 18:

Incontro a porte chiuse con il Presidente dell’Autorità Portuale Pino Musolino (R)

Domenica 18 novembre alle 17:

Incontro-dibattito con Giulio Luca Velo (IUAV).

Domenica 25 novembre alle 15:

Presentazione alla stampa del calendario 2019 e del bando di gara per la residenzialità, ad esso collegato.

Venerdì 30 novembre alle 18:

“Non solo grandi navi: l’impatto del traffico acqueo locale”- a cura di Dario Vianello.

Domenica 2 dicembre alle 17:

Quale futuro per la voga? A cura di Saverio Pastor e Rocco Rumonato.

Domenica 9 dicembre alle 17:

#CineBragora presenta: “La città perduta”, documentario di Marco Milioni, alla presenza dell’autore.

Domenica 16 dicembre alle 17.30:

La tutela penale dell’ambiente – pillole di diritto – a cura dell’avv. Elio Zaffalon.

—————————————————————

NB i venerdì e le domeniche non coperte da questo calendario provvisorio di eventi sono “aperti” alle vostre proposte per incontri, proiezioni o dibattiti.

A partire dal 10 novembre, la nostra casa con la sua sala lettura e lo spazio kids sarà aperta anche tutti i sabati, dalle 16 alle 19.

Nella foto: l’articolo di Michele Fullin, Gazzettino 11 ottobre

Bragora Fullin

https://www.ilgazzettino.it/pay/primopiano_pay/alla_bragora_e_nata_una_casa_per_le_associazioni_civiche-4031885.html

(R) = incontro riservato agli iscritti, per motivi di capienza della sala.

Bragora 1

 

 

 

Dicono di noi: rassegna internazionale

Se l’attenzione dei mass media nazionali e internazionali è un indice di credibilità e affidabilità, o almeno di una qualche capacità di comunicare in modo comprensibile temi complessi, queste ultime settimane sono state per noi ricche di soddisfazioni.

Per non perderne traccia vi proponiamo qui i “link” per vedere o rivedere i servizi che ci sono stati dedicati da importanti reti televisive in Francia, Svizzera e Germania, indicando anche quando sono andati in onda e segnalando la parte che ci riguarda più direttamente.

Das Erste (Germania, primo canale della televisione pubblica ARD) 2 ottobre:

https://www.daserste.de/information/politik-weltgeschehen/report-muenchen/videos/report-muenchen-venedig-100.html

France 2 (il primo canale della televisione pubblica francese) 13 settembre in prima serata, a partire dal 12° minuto:

Radiotelevisione Svizzera Italiana (RSI) 16 agosto, a partire dal 5° minuto:

https://www.rsi.ch/play/tv/falo/video/turismo-molesto-ripuliamo-il-mondo?id=10737026

In questi ultimi due anni abbiamo lavorato anche con:

la BBC1 (in prima serata), il canale franco-tedesco ARTE,  il primo canale della televisione russa, quella svedese e Al Jazeera.

In arrivo ci sono altre interviste. Ne pubblicheremo qui i link, per conservare in qualche modo memoria del lavoro svolto: trattandosi di televisioni nazionali, dietro ad ogni minuto andato in onda ci sono spesso ore e ore di riprese, che vengono poi “tagliate” e montate a livello centrale.

Un caloroso GRAZIE ai giornalisti che nel raccontare Venezia hanno cercato di andare oltre la superficie, e ci sono a nostro parere riusciti, con il loro lavoro di inchiesta e di approfondimento:

Karl Hoffmann, giornalista pluripremiato in Germania, per la trasmissione “Report” (Das Erste);

Nolwenn Hervé e tutta la squadra di “Envoyé spécial” (France 2);

Flavia Baciocchi, per la Radiotelevisione Svizzera Italiana;

Lisa Braito per ProSieben (rete nazionale privata tedesca), il cui link non è fruibile in Italia per questioni legate ai diritti di autore.

Navigazione articolo