Gruppo 25 aprile

Piattaforma civica (e apartitica) per Venezia e la sua laguna

Conto alla rovescia, meno uno!

Domenica 2 luglio, “Mi NO Vado Via”. Appuntamento in Campo de l’Arsenale alle 10.30, manifestazione cittadina e corteo lungo Riva Ca’ di Dio e Riva degli Schiavoni.

2 luglio Copertina.png

Aderiscono, in ordine alfabetico:

  1. AGESCI Venezia 7
  2. Ambiente Venezia
  3. Amico Albero
  4. ANPI Sezione 7 Martiri
  5. ARCI Circolo Franca Trentin Baratto
  6. ASOLAPO Italia
  7. Associazione El Felze
  8. Associazione Faro Venezia
  9. Associazione Poveglia – Poveglia per tutti
  10. Associazione Venezia Viva
  11. Assemblea Sociale per la Casa
  12. Centro Internazionale della Grafica
  13. Comitato Ambientalista Altro Lido
  14. Comitato Cittadini Campo Rialto Novo
  15. Comitato No Grandi Navi
  16. Comitato per la restituzione dell’Arsenale a Venezia
  17. Comitato Venezia
  18. CONFARTIGIANATO Venezia
  19. Ecoistituto del Veneto
  20. Effetto Venezia
  21. FAI Delegazione di Venezia
  22. Federconsumatori
  23. Forum Futuro Arsenale
  24. Generazione 90
  25. Gruppo25Aprile
  26. Gruppo WSM
  27. Italia Nostra
  28. L’Altra Venezia
  29. Masegni & Nizioleti
  30. Movimento Autonomia di Mestre
  31. Possibile
  32. Sanca veneta
  33. Scendiamo in campo
  34. Società di Mutuo Soccorso Carpentieri e Calafati
  35. Sindacato Unione Inquilini Venezia
  36. Storie di questo mondo
  37. Venessia. com
  38. Venezia Arte Cultura & Turismo
  39. Venezia Cambia
  40. Venezia-Mestre Due Grandi Città
  41. #VeneziaMioFuturo
  42. Venice on Peril
  43. Verdi Ambiente Società
  44. Daniele Giordano, Segretario Generale CGIL-FP Venezia
  45. Mario Ragno, Segretario Generale UIL-FPL Venezia

Giovanni Andrea Martini, Presidente della Municipalità di Venezia Murano Burano, e Danny Carella, Presidente di Municipalità Lido e Pellestrina.

Ai partiti e alle formazioni politiche presenti in Consiglio comunale e/o regionale non intendiamo dare spazio in questa lista, anche se ne apprezziamo le dichiarazioni di sostegno, e questo per non alterare la natura civica e apartitica della manifestazione.

Grazie per la comprensione.

Il portavoce,

Marco Gasparinetti

2 luglio Giudecca.jpg

2 Luglio, Mi No Vado Via!

Aggiornamento adesioni alla manifestazione del 2 luglio, in ordine alfabetico:

AGESCI Venezia 7
ANPI Sezione 7 Martiri
ARCI Circolo Franca Trentin Baratto
Associazione El Felze
Associazione Poveglia – Poveglia per tutti
Associazione Venezia Viva
Assemblea Sociale per la Casa
Centro Internazionale della Grafica
Comitato Ambientalista Altro Lido
Comitato per la restituzione dell’Arsenale a Venezia
Comitato Venezia
CONFARTIGIANATO Venezia
Ecoistituto del Veneto
Effetto Venezia
FAI Delegazione di Venezia
Forum Futuro Arsenale
Generazione 90
Gruppo25Aprile
Gruppo WSM
Italia Nostra
L’Altra Venezia
Masegni & Nizioleti
Movimento Autonomia di Mestre
Possibile
Sanca veneta
Scendiamo in campo
Società di Mutuo Soccorso Carpentieri e Calafati
Sindacato Unione Inquilini Venezia
Storie di questo mondo
Venessia.com
Venezia Arte Cultura & Turismo
Venezia Cambia
Venezia Civiltà Anfibia
Venezia-Mestre Due Grandi Città
#VeneziaMioFuturo
Venice on Peril
Verdi Ambiente Società
Daniele Giordano, Segretario Generale CGIL-FP Venezia
Mario Ragno, Segretario Generale UIL-FPL Venezia​
Danny Carella, Presidente Municipalità Lido e Pellestrina
G. Andrea Martini, Presidente Municipalità di Venezia Murano Burano
Anna Messinis, vice Presidente
Municipalità Venezia Murano Burano

30 giugno NV
Sui giornali del primo luglio troverete tutti gli aggiornamenti su orario e percorso del corteo, che attraverserà Riva Ca’ di Dio e Riva degli Schiavoni con partenza da Fondamenta Arsenale e raduno iniziale in Campo de l’Arsenale.
Primo luglio vigilia di manifestazione, saremo occupati con volantini cartelloni e striscioni.
Appuntamento con i giornali in edicola e poi con la nostra rassegna stampa, che riprenderà lunedì 3 luglio. Nel frattempo potete seguirci quasi in diretta qui:
e qui:
..e per chi usa Twitter anche qui:
Il 2 luglio non delegare, PARTECIPA!

“I Am Not Going Away”. Citizens’ March for Venice set for July 2 as UNESCO readies the ‘verdict’ for Venice’s inclusion on list of Endangered Sites

For our foreign friends:

Campaign For A Living Venice

“I am not going away”. This is slogan under which 27 Groups, Associations and others have already signed on to participate in a broad coalition of citizens which will march in defense of Venice on Sunday, 2 July 2017. While awaiting the ‘verdict’ of UNESCO regarding the possible inclusion of Venice on the World Heritage Endangered Sites list, Venetians have had enough of the many unresolved and damaging problems facing the city, as well as the ongoing selloff of public buildings and resources. They march for a living Venice, not a museum display devoid of life. What follows are the official announcements for the event.

————————————————————————————————————————————–

On July 2 UNESCO will open its session which has been called to make an announcement regarding the possible inclusion of Venice in the list of Endangered Sites. We who live, work and study in Venice need not wait for a “verdict” from UNESCO…

View original post 501 altre parole

Hic Sunt Leones: prima che arrivasse la roulotte di FIAT MUSIC, qui era il deserto

A titolo eccezionale parliamo di musica e lo facciamo ospitando una lettera aperta al Sindaco Metropolitano e tuttologo con delega allo Sport, alla Cultura, al Traffico Acqueo e alle Relazioni Internazionali (quelle con la cittadinanza lasciano a desiderare, ma ne riparleremo in altra sede).

Per capire il contesto occorre premettere che, da certe dichiarazioni rese alla stampa dal Sindaco in carica, l’ignaro lettore sarebbe in diritto di pensare che:

  1. prima della missione civilizzatrice svolta da un tale amico suo personale, queste terre incolte fossero un deserto musicale e umano dove le uniche note che risuonavano nella nebbia erano le note di debito e quelle di credito, alternate al latrato dei cani e al cigolio delle lamiere, nonché ai lamenti dei debitori insolventi incatenati al piano terra del Palazzo dei Camerlenghi;
  2. se non ci fosse stata la roulotte chiamata “FIAT Music”, mestrini e margherini sarebbero morti senza nemmeno conoscere il significato della parola “Musica” (maiuscola, per non confonderla con i pallidi tentativi di imitazione anteriore).

Mestre, 27 giugno 2017

Egregio Sindaco,

in seguito alle sue originali affermazioni sul fatto che il Roxy Bar avrebbe finalmente portato a Mestre la Grande Musica, ci siamo permessi di stilare una prima lista provvisoria con i primi nomi che ci sono venuti in mente di Grande Musica che Mestre ha ospitato dal 1977 a oggi, cioè negli ultimi 40 anni:

Alberto Camerini, Edoardo Bennato, Francesco Guccini, Pino Daniele, Gino Paoli, Fabrizio De Andrè con la PFM e poi Fabrizio De Andrè da solo (nel 1992, al Toniolo), Skiantos, Ivan Graziani, Franco Battiato, Ron, Antonello Venditti, Roberto Vecchioni, Gianna Nannini, Loredana Bertè, Ivano Fossati, Paolo Conte, Alberto Fortis, Vasco Rossi, 99 Posse, Casinò Royale, Alma Megretta, Avion Travel, CSI, Matia Bazar, Tony Esposito, Frankie Hi NRG, Diaframma, Napoli Centrale, Sud Sound System, Samuele Bersani, Banco del Mutuo Soccorso, i Denovo di Mario Venuti, Enzo Jannacci, Stadio, Francesco Baccini, Litfiba, Claudio Lolli, Nuova Compagnia di Canto Popolare, Giorgio Gaber, Jovanotti, Area, Africa Unite, Max Gazzè, Daniele Silvestri, Francesco De Gregori, Angelo Branduardi, James Senese, Riccardo Cocciante, Elio e le Storie Tese, Pierangelo Bertoli, Negramaro.

Art Ensemble of Chicago, Miles Davis, Jaco Pastorius, Chick Corea, Jack DeJohnette, Elvin Jones, Wayne Shorter, Chet Baker, Enrico Rava, Art Blakey, Paul Bley, Stanley Clarke, George Duke, Pat Metheny, Billy Cobhan, Weather Report, Stefano Bollani.

Saxon, Aerosmith, The Police, Iggy Pop, Gentle Giant, Tangerine Dream, Pearl Jam, Miriam Makeba, Motorpsycho, Little Steven, David Byrne, Yes, David Sylviain, Status Quo, Skunk Anansie, Sex Pistols, Ginger Baker, PIL, Steve Hackett, Cranberries, GreenDay, Echo and the Bunnymen, Ben Harper, Coldplay.

Style Council, Kid Creole and the Coconut, Simply Red, Alarm, Simple Minds, James Taylor, Nina Hagen, Peter Hammill, Bryan Ferry, Goran Bregovich, Leo Ferrè, Tina Turner, Wailers, Gipsy King, Kraftwerk, Bo’ Diddley, Dirty Joy, Penguin cafè orchestra, Ultravox, Neil Young, Massive Attack, Alanis Morrisette.

Egregio Sindaco,

è superfluo sottolineare che tale lista è relativa esclusivamente all’angusto spazio del Comune di Venezia della terraferma, e che se avessimo voluto includere anche le realtà limitrofe (Oriago, Marcon, Spinea, Mogliano, ecc) la lista sarebbe stata più consistente. Superfluo sottolineare inoltre che tale lista non è esaustiva, che abbiamo dimenticato molti nomi e che abbiamo anche deciso di concentrarci esclusivamente su nomi conosciuti da chiunque, anche da chi pensa che il concerto di Bobby Solo possa rappresentare un ritorno della Grande Musica: non sono stati menzionati i moltissimi gruppi e artisti singoli che, pur avendo riscontro internazionale, sono considerati “di nicchia” e nemmeno gli artisti locali, come Le Orme o Patty Pravo, o…

Diamo per scontato che i residenti se ne ricordino.

Giovanni e Paolo

 

NdR a cura della redazione del blog:

i criteri con cui il Sindaco in persona ha deciso di affidare ad un suo estimatore ed amico personale (amicizia recente ma platealmente esibita da entrambi) l’organizzazione di un evento che ha comportato spese per la collettività anziché affidarne la scelta ad un bando di gara, “prima facie” e a rischio di sbagliare ricordano quelli riassunti in un vecchio ma gradevole film diretto da Nanni Loy:

 

“Mi No vado Via”, conto alla rovescia meno 5!

Lista adesioni aggiornata al 26 giugno:
AGESCI Venezia 7
ARCI Circolo Franca Trentin Baratto
Assemblea Sociale per la Casa
Comitato per la restituzione dell’Arsenale a Venezia
Effetto Venezia
Forum Futuro Arsenale
Generazione 90
Gruppo25Aprile
Gruppo WSM
Italia Nostra
L’Altra Venezia
Masegni & Nizioleti
Movimento Autonomia di Mestre
Possibile
Sanca veneta
Scendiamo in campo
Società di Mutuo Soccorso Carpentieri e Calafati
Sindacato Unione Inquilini Venezia
Venessia.com
Venezia Arte Cultura & Turismo
Venezia Cambia
Venezia-Mestre Due Grandi Città
#VeneziaMioFuturo
Verdi Ambiente Società
Daniele Giordano, Segretario Generale CGIL-FP Venezia
Giovanni Andrea Martini, Presidente Municipalità Venezia
Mario Ragno, Segretario Generale UIL-FPL Venezia

Il 2 luglio manifesteremo per molti motivi, e di ragioni per manifestare ne abbiamo tante. Su questo canale youtube troverete le videointerviste che stiamo registrando in questi giorni:

https://www.youtube.com/channel/UC-sfXhzUreglvd31GpX0jFg

..mentre la lista delle adesioni continuerà ad esser aggiornata soltanto sulla pagina Facebook dell’evento, perché continuano ad affluire di giorno in giorno.

Giorno per giorno (e sempre sulla pagina Facebook dell’evento) di qui a domenica pubblicheremo qualche esempio delle ragioni che ci portano a manifestare, cominciando da questo:

camera commercio 3

Il 2 luglio manifestiamo perché quest’anno ci hanno già tolto o ci stanno togliendo:

  1. Camera di Commercio (prima foto);
  2. Catasto (l’edificio della prossima foto);
  3. Ca’ di Dio, che era ospizio e casa di riposo da otto secoli (!) e diventerà un albergo;
  4. Palazzo Donà, in Campo Santa Maria Formosa, ex sede della Direzione Politiche sociali, oltre che dell’archivio della Procura della Repubblica. Con l’occasione è stata sfrattata anche la ferramenta che era un punto di riferimento per il sestiere, e che soltanto grazie alla caparbietà dei titolari ha riaperto poco lontano.
  5. La Regione Veneto a sua volta sta vendendo Palazzo Balbi e Palazzo Gussoni, e “La Vida” in campo San Giacomo.
  6. L’ex ospedale al mare del Lido diventerà un Club Med e la sede della Polizia Municipale è nella lista degli immobili da alienare nel 2017: il Comune si libera anche di quella, dopo aver venduto la Casa del custode degli adiacenti Giardini Papadopoli nel 2016. Quanto ai Lagunari, andranno all’asciutto in terraferma perché all’idroscalo delle Vignole devono fare un “resort” di lusso.

Prese una per una, saranno anche operazioni (forse) ineccepibili. Nel loro insieme e per la rotta che indicano, sono il colpo di grazia. Il cambiamento di rotta lo chiediamo da anni, chi ha vinto le elezioni lo aveva anche promesso ma nessuno di noi l’ha ancora visto.

Catasto

Domenica 2 luglio: se per te Venezia VALE, ci vediamo all’Arsenale

Il 2 luglio non andare in spiaggia, l’anno prossimo potresti non ritrovare neanche quella: il Blue Moon ad esempio non sarà più spiaggia libera. Domenica 2 luglio aspettiamo anche te, in Campo de l’Arsenale. Prima che vendano anche quello, per un piatto di lenticchie.

La pagina Facebook per seguire l’evento del 2 luglio:

https://www.facebook.com/veneziamiofuturo/?ref=bookmarks

 

“Mi No Vado Via”, conto alla rovescia meno 6

voglio vivere cop FB

https://www.facebook.com/veneziamiofuturo/

Raduno in Campo de l’Arsenale a partire dalle 10.30, il corteo avrà inizio verso le 11.15 con partenza da Fondamenta Arsenale per proseguire lungo Riva Ca’ di Dio e Riva degli Schiavoni in direzione Palazzo Ducale.

Aderiscono:

ARCI Circolo Franca Trentin Baratto
Assemblea Sociale per la Casa
Comitato per la restituzione dell’Arsenale a Venezia
Effetto Venezia
Forum Futuro Arsenale
Generazione 90
Gruppo25Aprile
Gruppo WSM
Italia Nostra
L’Altra Venezia
Masegni & Nizioleti
Movimento Autonomia di Mestre
Possibile
Sanca veneta
Scendiamo in campo
Società di Mutuo Soccorso Carpentieri e Calafati
Sindacato Unione Inquilini Venezia
Venessia.com
Venezia Arte Cultura & Turismo
Venezia Cambia
Venezia-Mestre Due Grandi Città
#VeneziaMioFuturo
Verdi Ambiente Società
Daniele Giordano, Segretario Generale CGIL-FP Venezia
Mario Ragno, Segretario Generale UIL-FPL Venezia

Un grazie particolare a:

Francesca Codrino, per la grafica dei volantini;

L’attore e regista Alessandro Bressanello, per la testimonianza video;

La documentarista Loredana Spadon, per le videointerviste che stiamo girando in questi giorni;

i nostri volontari, per i volantinaggi e la preparazione di cartelli e striscioni.

#MiNoVadoVia

Domenica 2 luglio: chi va al mare, non si venga poi a lamentare.

 

 

Fucsia bene bravo bis? Il sondaggio del mese

Dopo due anni, un’idea dovremmo essercela fatta: secondo mandato per il sindaco “fucsia”, come suggeriscono le locandine dei giornali oggi in edicola?

Parliamone pure, con un sondaggio senza pretese di rigore scientifico ma aperto a tutti (“instant poll”), nel secondo anniversario della giunta in carica.

Voi lo votereste o ri-votereste, questo sindaco?

 

La locandina del Gazzettino in edicola oggi: Continua a leggere…

PalaPilu per tutti!

Le priorità del sindaco in carica che è “casualmente” proprietario di quelle terre inquinate da bonificare (i “Pili”) e anche della squadra di basket che ha bisogno del palasport. Chiedevamo case, il benefattore risponde con un palasport da 10.000 posti paganti. ‘PRO DOMO SUA” (fonte: Nuova Venezia):

PalaPilu NV 10 giugno 17.png

Riassunto delle puntate precedenti: 1) i “Pili” sono terreni in posizione strategica, pagati pochi euro a metro quadro proprio perché pesantemente inquinati. 2) Il proprietario dei terreni diventa sindaco? Cambio di destinazione d’uso in vista e bonifiche a spese del contribuente, dato che la società del Sindaco (Porta di Venezia SpA) è parte ricorrente contro il Comune e contro il Ministero proprio sui costi delle bonifiche.

In attesa della prossima puntata, la vicenda ci ricorda un film. Questo:

Palapilu

AVVISO ai turisti, e ai residenti

  1. Avviso ai TURISTI:

Questa NON è “lotta di classe”: siamo tutti turisti e siamo tutti residenti, a seconda dei periodi dell’anno. Quello che conta è il senso civico che ci portiamo dietro, con o senza bagaglio.

Ai turisti in visita a VENEZIA diciamo cordialmente: nelle vostre città di provenienza, siete RESIDENTI anche voi, giusto? E se non trovaste più casa per voi o per i vostri figli come succede a noi, sareste preoccupati quanto noi. Se ancora non conoscete la situazione, sappiate che la Municipalità di Venezia sta perdendo 1.000 abitanti all’anno e la popolazione rimasta nei sestieri è scesa al di sotto delle 48.000 unità, che diventano 54.000 con la Giudecca e 62.000 contando anche Murano, Burano e le isole minori. In larga misura, questo è dovuto alla carenza di alloggi che sempre più spesso vengono adibiti a destinazione turistica più o meno regolare.

I residenti nella città d’acqua erano esattamente il triplo, pochi decenni fa. Ieri sera ne ha parlato anche la televisione svedese, con questo documentario andato in onda all’ora di punta sul primo canale:

https://www.svtplay.se/video/13956912/kultur-i-farozonen/kultur-i-farozonen-sasong-4-avsnitt-6?start=auto

A voi che alloggerete a Venezia chiediamo soltanto un minuto di tempo per leggere le informazioni che seguono. Il Comune di Venezia ha oggi inaugurato questa mappa in cui troverete le stutture ricettive presenti nei nostri sestieri e nelle isole:

http://geoportale.comune.venezia.it/Html5Viewer/index.html?viewer=IDS.IDS&LOCALE=IT-it

Se la struttura ricettiva in cui volete alloggiare appare soltanto su portali tipo “airbnb” ma NON in questa mappa, fatevi qualche domanda e fatela al gestore, prima di rendervi complici inconsapevoli di un’evasione fiscale che per i veneziani significa anche e soprattutto sottrazione ABUSIVA dei pochi spazi rimasti per la residenzialità.

2. Avviso ai RESIDENTI:

Vi è spuntata una nuova struttura ricettiva sotto casa, o al piano di sopra, e volete sapere se la struttura è “nota” all’ufficio tributi come dovrebbe? Cliccate su questa mappa interattiva, che con lo “zoom” permette di localizzare le strutture ricettive calle per calle, e nei casi dubbi permette anche di inviare segnalazioni “che verranno rapidamente verificate dall’Amministrazione Comunale”.

http://geoportale.comune.venezia.it/Html5Viewer/index.html?viewer=IDS.IDS&LOCALE=IT-it

Non è un invito alla delazione, ma al senso civico e al buon senso di chi leggendo questa pagina deciderà di mettersi in regola prima di incorrere nelle sanzioni (anche penali) inerenti al mancato versamento dell’imposta di soggiorno – oppure, come speriamo, a reimmettere l’immobile sul mercato delle locazioni di lungo periodo.

http://iltirreno.gelocal.it/montecatini/cronaca/2017/04/08/news/albergatore-condannato-per-la-tassa-non-versata-1.15164806

3. Al Comune di Venezia

ribadiamo la nostra richiesta di rimodulare la TARI, che è di stretta competenza comunale, al fine di incentivare per l’appunto le prime case e le locazioni di lungo periodo rispetto a quelle turistiche – richiesta già formulata in occasione dell’incontro finale nei sestieri di #Veneziamiofuturo, che si è tenuto nell’aula magna dell’Ateneo Veneto il 20 gennaio di quest’anno:

https://gruppo25aprile.org/?s=20+proposte

Buona stagione turistica a tutti – a Venezia come sappiamo dura 11 mesi all’anno, ed è anche questo che ci ha spinto a rubarvi qualche minuto del vostro tempo.

Una campagna di informazione firmata:

Gruppo25Aprile

e

https://www.facebook.com/veneziamiofuturo/

2-julio-svizzera

Quando l’UNESCO fa FIASCO, è il momento dell’orgoglio

Sindaco inconcludente, regione assente e ministri compiacenti possono forse sperare di prendere in giro l’UNESCO che è lontana – e a quanto pare ci sono riusciti – ma chi vive o lavora qui tocca con mano ogni giorno i troppi problemi irrisolti, dalla mancanza di case e lavoro qualificato ai danni provocati da un turismo di massa e di bassa qualità che tutto piega alla sue esigenze e sta devastando il tessuto sociale con l’espulsione continua di residenti e la scomparsa dei negozi di vicinato, le attività artigianali sacrificate alla paccottiglia prodotta in serie, il traffico acqueo al collasso.
Venezia merita di meglio. Ai cittadini e alle cittadine, ai sindacati, ai comitati e alle realtà associative chiediamo uno scatto di orgoglio per dire a voce alta che è ora di voltare pagina.
Il 2 luglio manifesteremo uniti, senza bandiere di partito, per reclamare il nostro diritto di restare o ritornare a vivere in quella che alcuni vorrebbero ridurre a semplice vetrina, priva di vita e di abitanti.
voglio vivere cop FB
Lo faremo il 2 luglio che è il secondo compleanno della giunta in carica (“dategli tempo” o “lasciamoli lavorare” non è più una scusa credibile) e coincide anche con l’inizio della sessione UNESCO che avrebbe dovuto prendere una decisione su Venezia. Avrebbe dovuto, ma non lo farà. Come mai?

Al primo anno di giurisprudenza, quando viene spiegata la differenza fra “termini perentori” e “termini ordinatori” (quelli privi di sanzione), ai secondi viene associato il termine ironico “canzonatori”. Quelli fissati dall’UNESCO sono termini canzonatori. Prendiamone atto: il termine del primo febbraio 2017 per il caso Venezia, già rinviato al 30 aprile e allegramente ignorato dalle autorità italiane, è stato ora prorogato al 31 dicembre 2018, se le conclusioni del documento che qui pubblichiamo verranno confermate dalla sessione del “World Heritage Committee” che si riunirà a partire dal 2 luglio – ma per quel che riguarda Venezia sarà una semplice formalità.

Conseguenza pratica: tutto rinviato all’estate del 2019, alla quarantatreesima sessione di quel Comitato che si riunisce soltanto una volta all’anno.

UNESCO 2018

Vengono in questo modo premiate le manovre dilatorie e le piccole furbizie che a furia di cambiare le carte in tavola miravano esattamente a questo risultato, e gravemente indebolita ne risulta, a nostro modo di vedere, l’autorità morale di chi fissa scadenze creando aspettative e speranze nell’opinione pubblica,  senza poi farle rispettare.

Ci dispiace per l’UNESCO, ma d’ora in poi faremo da soli, perché la fiducia tradita non ritornerà e i problemi di Venezia non possono attendere l’estate del 2019.

Rispetto all’anno scorso la popolazione residente nella città d’acqua è calata di mille persone circa, che si aggiungono ai mille già persi nell’anno precedente. Flussi turistici: l’unica misura annunciata riguarda un “contaturisti”, come se ne avessimo bisogno per sapere quando sono troppi. Grandi Navi: son sempre là, a ridosso delle nostre case. Quelle che si sgretolano sotto la pressione del moto ondoso causato da un traffico acqueo fuoro controllo, con i contributi alle spese di restauro azzerati perché il MoSe si è mangiato tutte le risorse della Legge Speciale.

DOMENICA 2 LUGLIO, MANIFESTAZIONE CITTADINA UNITARIA per Venezia.

Hanno già aderito (in ordine alfabetico):

Assemblea Sociale per la Casa
Asolapo Italia
Comitato per la restituzione dell’Arsenale a Venezia
Effetto Venezia
Forum Futuro Arsenale
Generazione 90
Gruppo25Aprile
Gruppo WSM
Italia Nostra
L’Altra Venezia
Movimento Autonomia di Mestre
Possibile
Sanca veneta
Scendiamo in campo
Società di Mutuo Soccorso Carpentieri e Calafati
Sindacato Unione Inquilini Venezia
Venessia.com
Venezia Arte Cultura & Turismo
Venezia Cambia
Venezia-Mestre Due Grandi Città
VeneziaMioFuturo
Verdi Ambiente Società
Daniele Giordano, Segretario Generale CGIL-FP Venezia
Mario Ragno, Segretario Generale UIL-FPL Venezia
 voglio vivere cop FB
Il testo dell’appello comune a tutti noi:
Il 2 luglio manifesteremo uniti, senza bandiere di partito, per reclamare il nostro diritto di restare o ritornare a vivere in quella che alcuni vorrebbero ridurre a semplice vetrina, priva di vita e di abitanti”.
Domenica 2 luglio alle 11, appuntamento in Campo dell’Arsenale.

 

Navigazione articolo