Gruppo 25 aprile

Piattaforma civica (e apartitica) per Venezia e la sua laguna

Venice Carnival: Instructions for Use, Chapter One

Venice carnival survival kit

Rule n.1: Avoid it unless you have already booked your accomodation. If you want to visit Venice there are periods when the city is less crowded, the risk of being overcharged is smaller and the chance of enjoying its beauty is much bigger.

Rule n.2: If you really want to be there for Carnival, avoid “red sticker” days: these days the access to the area of st. Mark’s will be limited and a new person counter system will be experimented. In order to know how this will work, stay tuned on the official channel of the City Council, which has not yet released any official information in this respect but will do it soon:

http://www.comune.venezia.it/

Rule n.3 The most overcrowded days are likely to be: Saturday 27 January, Saturday 3 and Sunday 4 February, and all days between 8th February (“giovedì grasso”) and 13th February (“martedì grasso”).

Chapter I

Water Taxis: yellow, green and red

Water taxis have a yellow identification stripe with the logo of “Comune di Venezia” and their identification number, in addition to a yellow flag at bow; if the flag is green the fares are different (it is a kind of rental service).

The “yellow flag” taxi service is located in Venice island, Lido and from here to the airport (not vice versa from the airport is only green flag).

Golden rule n. 1 is: ask for the price in advance, rather than getting lost in this colourful jungle.

Golden rule n. 2: be aware that not all taxis accept credit cards, so ask them in advance or be prepared to pay cash!

The service is very reliable and, contrary to most cities in the world, it is unlikely to be affected (delayed) by traffic jams or traffic lights.

There are two types of fares:

a) set fares between taxi stations;

b) meter: if the place where you start/end is not a taxi station. In this case a set fare is applied with a supplement.

If there are more than 4 passengers, if there are many suitcases and for night service an extra supplement will be applied on the fare indicated on the meter, that is placed behind the door of the taxi. There are 14 taxi stations, these in addition to set fares can be found on the following website:

  • If the bow flag is green it is a different taxi service and the price is negotiable. It is important to ask for the price in advance in order not to get ripped off. There is no taxi station at the airport so green flag taxis are the only ones available.
  • Red flags are those of taxi drivers who got the licence in another Municipality; they can bring you to Venice from those municipalities but are not allowed to operate as taxi drivers inside the City.
  •  Final tip: there is nothing comparable to “Uber” in Venice (by the way, for local laws it would be illegal) and unauthorized taxis are by far much less frequent than in most other cities (with the possible exception of the Tronchetto island which is still kind of borderline): when you land at the airport, for instance, you will simply not be bothered by them and the local police are very strict in enforcing this rule.
  •  Last but not least: speed limits in Venice are not an option: the faster the boat the bigger the waves, and the waves can damage our precious stones. Therefore don’t ask your taxi driver to run faster.. and if he runs too fast you might gently tell him: “could you please slow down, I would like to enjoy the view”.
P1000039.JPG

 

Press release – Chinese version

4月25日团体新闻稿

2018年1月18日于威尼斯

中欧旅游年正式启动了,4月25日团体,作为威尼斯本岛居民的市民平台,首先对来自中华人民共和国代表团表示热烈欢迎,但同时我们强调威尼斯及其泻湖之所以能够被选择成为开幕式的所在地,是因为它自古以来是一个不同民族相遇并和谐相处的地方,它的独特之处在于人与环境之间绝妙而细腻的动态平衡。

漫漫旅途,我们的贵宾们经过古老的,七百多年前马克波罗走过的丝绸之路,来到了美丽的威尼斯,我们确信,背负着伟大的传统和古老的文化的他们是能够欣赏这个城市并理解千百年来因为它与它周围的自然环境维持了微妙的平衡才能达到的人与自然的和谐。

追求和谐是需要具备很多条件的,需要是感性的,需要理解包容,意味着能够仔细衡量每个因素,衡量每个对环境干预后带来的影响。 这就是我们用西藏经幡欢迎我们的贵客的用意:作为一个哲学而非政治性的象征,几个世纪以来,人们用它们来祈求能够传播知识的开明的思想,维持人类赖以生存的五种基础元素之间的和谐:蓝旗象征空间,白旗象征水,黄旗象征土地,红旗象征火,绿旗象征空气。

就像其他国家一样,今天的中国已经品尝到了人类因为破坏了自然界元素之间的和谐而带来的苦果。出于这个原因,我们认为,在威尼斯这样一个自古以来象征人与自然和平共处的城市,一个一直用明智和尊重的态度来对待自身周围环境的地方,增加游客量是一种愚蠢的做法,我们会为此支付昂贵的代价, 威尼斯这个城市的独特性会被扭曲,它的居民会越来越少,,它的文化、传统工艺会逐渐消失。在这样一个空间有限的城市,普通家庭会越来越难以找到住处,我们这个城市是不可能容纳无限量的游客的,它会造成不必要而我们也并不想要的冲突。

不能从广阔的角度去思考和贪婪是和谐和繁荣的敌人。威尼斯一直被认为是丝绸之路的终点,它一直与中国保持着尊重和友好的关系。借由这个古老的纽带,对任何想在这个城市投资的人,我们恳请适度和智慧:中国古代有一句谚语“水能载舟亦能覆舟”。

旅游业的过度开发会毁了这个城市,可能会给投资者们带来理所当然的利润。但是我们会问:这些利润是以破坏一个千年古文明为代价的,它是否是“理所当然”的?我们欢迎我们的贵宾就像我们欢迎其他民族一样,但请不要忘记中国古老的智慧,当其他国家仍在黑暗的中世纪探索时,这些智慧就像人类文明的灯塔。如果这个时代——就像许多人所预言的那样——将成为“中国世纪”,我们希望它是因为智慧之光的到来被铭记的,而不是因为被短期利益所蒙蔽,摧毁了未来繁荣的基础和自然元素之间的和谐被回忆被酷评。

“La stessa acqua può sostenere o affondare una nave” (proverbio cinese)

Venezia, 18 gennaio ’18

In occasione dell’evento inaugurale dell’Anno del Turismo Europa-Cina che si terrà domani a Palazzo Ducale, il Gruppo 25 aprile augura il benvenuto alla Delegazione della Repubblica Popolare Cinese sottolineando come Venezia e la sua laguna, che sono state scelte per ospitare questo evento, rappresentano un luogo di incontro e d’armonia tra i popoli, la cui unicità si basa su un raffinato quanto delicato equilibrio tra l’uomo e l’ambiente.

Perseguire l’armonia richiede particolari caratteristiche di sensibilità e comprensione, significa saper dosare con attenzione i singoli elementi, misurare l’impatto dei singoli interventi sull’ambiente che li accoglie.

Questo è il messaggio delle bandierine tibetane di preghiera con cui porgiamo il nostro benvenuto: emblema filosofico e non politico con cui da secoli si invocano le menti illuminate affinché spargano la conoscenza e preservino l’armonia fra i 5 elementi: 5 bandierine blu come lo spazio, bianco come l’acqua, gialla come la terra, rossa come il fuoco e verde come l’aria.

La Repubblica Popolare Cinese come altri Paesi prima di lei ha già toccato con mano i danni che vengono provocati quando l’armonia degli elementi viene minacciata dall’uomo. Per questo, in una città come Venezia che è stata a lungo simbolo dell’armonia di una comunità di persone ed esempio di un rapporto saggio e rispettoso con l’ambiente circostante, riteniamo che incrementare ulteriormente i flussi turistici sia una follia che rischiamo di pagare tutti a caro prezzo, snaturando le caratteristiche che hanno reso Venezia unica al mondo e svuotandola dei suoi abitanti, della sua cultura, dei suoi mestieri tradizionali. In uno spazio fisico limitato come questo, dove per le famiglie è sempre più difficile trovare un alloggio, la nostra città non può accogliere un numero indefinito di turisti senza alimentare tensioni indesiderate e indesiderabili.

L’incapacità di pensare in un’ottica di ampio respiro e la cupidigia sono nemiche dell’armonia e della prosperità.  Venezia è stata sempre considerata come il punto d’arrivo della Via della Seta, Venezia ha sempre avuto con la Cina un rapporto di rispetto e di amicizia. In virtù di questo antico legame, a chiunque voglia investire in questa Città chiediamo moderazione e saggezza: un antico proverbio cinese dice “la medesima acqua può sostenere o affondare una nave”.

Un eccesso di turismo affonderebbe quella stessa città da cui gli investitori sperano di ricavare un giusto profitto. Da parte nostra aggiungiamo: potrebbe mai essere “giusto”, un profitto basato sulla distruzione di una civiltà millenaria? Ai nostri ospiti, che sono graditi quanto lo sono quelli di qualsiasi altra nazionalità, chiediamo di ricordare l’antica saggezza che ha fatto della Cina un faro di civiltà quando altre nazioni ancora brancolavano nel Medioevo. Se questo – come molti pronosticano – sarà il “secolo cinese”, che venga ricordato come l’avvento di menti illuminate e non accecate dal profitto di breve termine che distrugge le basi della prosperità futura e l’armonia degli elementi.

FC10

Press release on the China Tourism Year

Venice, 18 January ’18

On the occasion of the inaugural event of the EU-China Tourism Year (ECTY), hosted by Venice, we are pleased to welcome the Delegation of the People’s Republic of China.

Venice and its Lagoon, which have been chosen to host this event, represent a place of meeting and harmony among people, the uniqueness of which is founded in a dynamic equilibrium, as refined as it is delicate, between humans and the environment.

The pursuit of harmony requires paying close attention to all elements, as well as measuring the impact of each project on the environment in which it will be placed. This is the message of the prayer flags of the picture: a philosophical, not a political emblem, which for centuries has called on enlightened minds to spread this consciousness and preserve harmony among all elements, because health and harmony are produced through the balance of the five elements.

Five flags that are green like the air, red like fire, yellow like earth, white like water, and blue like space. Traditionally, these prayer flags are used to promote peace, compassion, strength and wisdom.

The People’s Republic of China, like Italy and other countries, has firsthand experience of the damage that occurs when the balance of the five elements is broken.

Likewise, in a city such as Venice, which has long been a symbol of harmony between communities and with the surrounding environment, we believe that further increases in touristic pressure would threaten the special features which have made Venice unique in the world and jeopardize the remaining chances of a living community with its own residents, culture and traditional skills, that are already now under huge pressure.

In a limited physical space such as this, our city cannot welcome an indefinite number of people or hotels. The inability to think with a broader perspective and human greed are the enemies of harmony and prosperity. Venice has always been considered as the destination of the Silk Road, and Venice has always had a relationship of mutual respect and friendship with China. In light of this ancient link, may we respectfully recommend moderation and wisdom of those who want to invest in this City:

as an ancient Chinese proverb says, “the same water can float or sink a ship”.

An excess of tourism could sink this City from which investors hope to earn a fair profit. May our honourable guests recall the ancient wisdom that made China a beacon of civilization when other nations still groped in the dark during Medieval times. If this – as many predict – is to be the “Chinese Century”, let it be recalled as the arrival of minds that are enlightened, and not blinded by short term profits that destroy the foundations of future and long lasting prosperity.

Rassegna stampa e un ringraziamento a (lista provvisoria):

(Nuova Venezia, Manuela Pivato)

(Corriere, Giacomo Costa)

(Gazzettino, Daniela Ghio)

Grazie ai tre quotidiani e a VeneziaToday che, dando spazio alla notizia, hanno permesso di far conoscere questa opportunità anche al di fuori del gruppo, il bando di gara è già stato visualizzato da più di 1.300 persone nelle prime 24 ore. Questa iniziativa totalmente autofinanziata è stata possibile grazie a:

Alessandro Toso Fei, autore del calendario

e alla generosità di (in ordine alfabetico, lista provvisoria in corso di completamento):

  1. Affabris Barbara
  2. Affanno Vladi
  3. Angioi Paola
  4. Antonini Flavia
  5. Bagno Carla
  6. Baldari Paola
  7. Barbato Teresa
  8. Baffo Gino
  9. Barbone Gloria
  10. Bartoloni Lucia
  11. Bartoloni Roberta
  12. Bellati Gian Angelo
  13. Bellati Maria Teresa
  14. Bellati Manfredi
  15. Beltrame Carlo
  16. Benvenuti Alberto
  17. Berto Mattia
  18. Biagini Marina
  19. Bianco Erika
  20. Bianco Gabriella
  21. Bizio Gradenigo Andrea
  22. Bolcato Anna
  23. Bonetti Beatrice
  24. Borghi Marco
  25. Bozzato Alessandro
  26. Bravin Roberta
  27. Bravo Stefano
  28. Bressanello Alessandro
  29. Bruno Roberta
  30. Campi Bonacini Sissi
  31. Campioni Adriano
  32. Camuffo Stefano
  33. Canazza Guadagni Carla
  34. Cardin Lisa
  35. Carnero Alberto
  36. Catozzi Michele
  37. Cavallarin Caterina
  38. Ceciliati Gabriella
  39. Cendon Aline
  40. Cendon Anita
  41. Ceselin Francesco
  42. Chiarotto Roberta
  43. Claut Corrado
  44. Conchetto Francesca
  45. Condie Jenny
  46. Cormio Rita
  47. Cosma Marina
  48. Cosmo Luca
  49. Croce Stefano
  50. Culloca Lorena
  51. Cunego Valentino
  52. Dalla Pozza Antonella
  53. De Fanti Luciana
  54. De Toffol Valeria
  55. Del Turco Elisabetta
  56. Della Puppa Federico
  57. Di Cataldo Gina
  58. Di Pumpo Francesco
  59. Ferraresi Anna
  60. Ferrigno Anna
  61. Ferro Maria Rosa
  62. Foa’ Daniela
  63. Foschi Francesco
  64. Franchin Tatiana
  65. Freguia Irina
  66. Frosini Nicoletta
  67. Frosini Orsola
  68. Garlato Marta
  69. Gasparinetti Marco
  70. Genzovich Fabia
  71. Germanotta Maria Angela
  72. Gil Davide
  73. Giorgi Sebastiano
  74. Giussani Cristina
  75. Grossi Vanessa
  76. Kujawska Basia
  77. Lanaro Maria
  78. Lando Anna
  79. Latz Celia
  80. Litorius Marie Louise
  81. Lodi Flavio
  82. Lombardo Fabio
  83. Maggi Danilo
  84. Malusa Marilisa
  85. Maddalena Giorgio
  86. Marchese Paola
  87. Marengo Barbara
  88. Marin Anna
  89. Marini Mara
  90. Marques Hernandez Paula
  91. Martini Giovanni Andrea
  92. Martinotti Mario
  93. Marton Luisa
  94. Maschietto Eva
  95. Matacchioni Susanna
  96. Menegaldo Giulia
  97. Meo Dolores
  98. Menegazzi Elena
  99. Milani Daniela
  100. Minetto Roberta
  101. Minoia Paola
  102. Molinari Edda
  103. Morosinato Loris
  104. Nicoletti Nicoletta
  105. Nordio Arianna
  106. Nostran Marina
  107. Olivieri Donata
  108. Oselladore Nevio
  109. Padoan Giovanna
  110. Padovan Claudia
  111. Parovel Giulio
  112. Pasqual Paola
  113. Pattarello Magda
  114. Penzo Tiziana
  115. Peris Cesare
  116. Permutti Federico David
  117. Petrone Diana
  118. Piastra Lucia
  119. Piccini Andrea
  120. Pino Sibylle
  121. Pino Stefano
  122. Pirovano Anna
  123. Pirro Mattia
  124. Pizzato Marco
  125. Radich Lucio
  126. Ragazzi Stefano
  127. Ragno Serena
  128. Ravagnan Davide
  129. Regazzi Alessandra
  130. Reggio Stefano
  131. Ricciardi Frederic
  132. Riu Elena
  133. Rizzardo Argenton Stefania
  134. Rizzi Francesca
  135. Rosenberg Paul
  136. Rosada Roberta
  137. Romieri Cristina
  138. Ruffoni Serena
  139. Saavedra Yolanda
  140. Sapienza Valentina
  141. Sartori Andrea
  142. Scarpa Lucia
  143. Scarpa Paola
  144. Scarpa Veronica
  145. Schiavon Elena
  146. Schroeder Katrin
  147. Scibola Cristiano
  148. Sensini Claudio
  149. Simoli Franca
  150. Sitran Carla
  151. Spernich Alberto
  152. Tagliapietra Roberto
  153. Tessarin Pietro
  154. Tognon Nicola
  155. Tonussi Monica
  156. Travagnin Federica
  157. Velo Luca Giulio
  158. Veronese Alice
  159. Vianello Dario
  160. Vianello Rossella
  161. Visonà Dalla Pozza Matteo
  162. Zafalon Sebastiano
  163. Zaldini Maria Pia
  164. Zennaro Martina
  165. Zinà Alessandra
  166. Zoppé Alice

Un grazie particolare a Maria Chiara Bellati, che ha coordinato la distribuzione dei calendari.

I° bando di gara per l’assegnazione di un contributo alla residenzialità

Importo erogabile: 3.000 euro

Termine per la presentazione delle richieste di contributo: 31 gennaio 2018

Indirizzo per la trasmissione delle richieste: 25aprileVenezia@gmail.com

Premessa

Viste le crescenti difficoltà di trovare casa nella Venezia insulare, dove il mercato immobiliare è dominato dalle locazioni turistiche e il mercato del lavoro è sempre più caratterizzato da una monocultura turistica che difficilmente offre opportunità professionali tali da poter competere ad armi pari con chi si limita a compiere scelte speculative (seconde case e locazioni di breve periodo);

Considerato il differenziale di prezzi con la terraferma, che rappresenta un ostacolo per chi desidera restare, ritornare o trasferirsi nella Venezia insulare; considerata la tendenza che vede la Venezia insulare perdere un migliaio di residenti all’anno,

L’associazione 25 aprile Venezia ha deliberato di erogare, a titolo sperimentale, un contributo alla residenzialità che verrà assegnato in base ai criteri di aggiudicazione descritti nel presente

Bando di gara:

Articolo 1

Oggetto e importo del contributo

L’importo erogato è pari ad un massimo di euro 3.000 per spese notarili di acquisto prima casa o deposito cauzionale per abitazione principale con locazione di lunga durata (4+4 o 3+2) nella Venezia insulare.

Per “Venezia insulare”, ai fini del presente bando, si intendono i sestieri veneziani e la Giudecca, nonché le altre isole comprese nella Municipalità di Venezia.

Articolo 2

Beneficiari

Le persone fisiche che ne faranno richiesta seguendo il modello in calce al presente bando, individuate tramite l’attribuzione dei punteggi di cui all’articolo 5.

Articolo 3

Cause di esclusione

Sono esclusi dal presente bando di gara i portavoce del gruppo25aprile e i membri del direttivo dell’associazione 25 aprile Venezia nonché i loro parenti in linea retta, fratelli e sorelle, coniugi e conviventi.

Sono parimenti escluse le persone fisiche con reddito individuale annuo superiore ai 50.000 euro lordi e quelle già proprietarie di beni immobili ovunque situati, tranne i casi di proprietà indivisa derivante da successione ereditaria nella misura massima di un quinto del bene ereditato.

Articolo 4

Pubblicazione del bando e della graduatoria degli assegnatari

Il bando di gara e il modulo per le domande di assegnazione sono pubblicati sul sito www.gruppo25aprile.org a partire dal 3 gennaio 2018. La graduatoria provvisoria viene formata in base alle domande ricevute con posta elettronica entro e non oltre il 31 gennaio 2018, tramite attribuzione dei punti previsti all’articolo 5.

I documenti necessari per comprovare la sussistenza dei requisiti di cui all’articolo 5 in capo alla persona che risulterà prima in graduatoria dovranno essere presentati  nelle 4 settimane successive alla pubblicazione della medesima, ossia entro il 28 febbraio 2018.

In caso di dichiarazioni mendaci o ingannevoli o mancata presentazione dei documenti richiesti, la graduatoria verrà rivista e ripubblicata e i documenti verranno richiesti al secondo classificato.

Articolo 5

Criteri di aggiudicazione e punteggio relativo

Ad ogni domanda ricevuta viene attribuito un punteggio la cui somma algebrica determina la posizione in graduatoria, determinata in base ai seguenti criteri:

a) situazione di sfratto per finita locazione nella Municipalità di Venezia: 50 punti;

b) nuovo contratto di locazione ai sensi dell’articolo 1, stipulato o da stipulare nel corso dell’anno solare: 30 punti;

c) mutuo prima casa da contrarre nel’anno solare in corso: 30 punti;

d) nucleo famigliare monoreddito: 30 punti;

e) esercitare attività artigianale nella Venezia insulare: 20 punti;

f) essere pendolari da o per la Venezia insulare, in ragione della professione esercitata: 20 punti;

g) lavoratori dipendenti con reddito netto annuale inferiore a 20.000 euro: 20 punti;

h) figli iscritti negli istituti scolastici di ogni ordine e grado della Venezia insulare: 10 punti;

i) essere nati nel Comune di Venezia e attualmente residenti altrove: 10 punti.

Articolo 6

Formazione della graduatoria

La formazione della graduatoria e la vigilanza sul rispetto dei criteri e delle condizioni di cui agli articoli 5 e 7 sono affidate al Consiglio direttivo dell’Associazione 25 Aprile Venezia, le cui delibere saranno consultabili a richiesta delle parti interessate.

La graduatoria provvisoria verrà pubblicata con riserva di verifica delle condizioni che determinano l’attribuzione del punteggio di cui all’articolo 5. La mancata presentazione dei documenti da parte di un assegnatario determina decadenza dal beneficio e pubblicazione di una graduatoria aggiornata con subentro del secondo classificato e così via.

A parità di punteggio complessivo, verrà data la precedenza a chi si trova in situazione di sfratto ai sensi dell’articolo 5 lettera a). In caso di parità fra più persone che si trovano nella medesima situazione di sfratto, la precedenza verrà data a chi si trova anche nelle situazioni di cui alla lettera b) e successive, seguendo il medesimo ordine di preferenza.

Articolo 7

Condizione sospensiva per nuovi contratti

Nel caso di nuovo contratto di locazione o di mutuo prima casa, l’erogazione è subordinata all’effettiva stipulazione del contratto di locazione o del preliminare di acquisto, che vanno intese come condizione sospensiva ai sensi del codice civile.

In questi specifici casi e a richiesta degli interessati, il contributo potrà essere versato in forma di deposito cauzionale o rimborso parziale delle spese notarili.

Articolo 8

Erogazione del contributo

Il contributo di cui all’articolo 1 verrà erogato ai beneficiari con bonifico bancario nel corso del mese di marzo 2018 o in data ulteriore qualora sia subordinato alla condizione sospensiva di cui all’articolo 7. Qualora la condizione sospensiva non si realizzi entro l’anno solare, il contributo verrà versato al secondo in graduatoria e così via.

Articolo 9

Contratto di accettazione e penale di inadempimento

Ai beneficiari del contributo verrà richiesto di sottoscrivere un contratto di accettazione che comprende l’impegno di risiedere nel bene immobile per il quale viene richiesto il contributo e a non subaffittarlo a terzi.

Il mancato rispetto dell’impegno di cui sopra determina decadenza dal beneficio e penale risarcitoria di inadempimento pari al doppio del contributo ricevuto.

Il Tribunale competente per ogni eventuale controversia è quello di Venezia.

———————————————————————————————————————

Fac-simile per le richieste di contributo

Il sottoscritto/la sottoscritta .. ..

Nato/a il .. .. .. a .. (Comune)

Residente a ..  (Comune)

Professione esercitata: ..  ..

Luogo di esercizio della professione esercitata: ..

Recapito telefonico per eventuali richieste di integrazione dei documenti: ..

CHIEDE

l’erogazione del contributo alla residenzialità stanziato dall’associazione 25 aprile Venezia, e a tal fine

DICHIARA

di trovarsi in una di queste situazioni (NB indicare soltanto quelle rilevanti, depennando le altre):

a) situazione di sfratto per finita locazione nella Municipalità di Venezia.

b) nuovo contratto di locazione ai sensi dell’articolo 1, stipulato o da stipulare nel corso dell’anno solare.

c) mutuo prima casa da contrarre nel’anno solare in corso.

d) nucleo famigliare monoreddito.

e) esercizio attività artigianale nella Venezia insulare.

f) pendolare da o per la Venezia insulare, in ragione della professione esercitata.

g) lavoratore dipendente con reddito netto annuale inferiore a 20.000 euro.

h) figli iscritti negli istituti scolastici di ogni ordine e grado della Venezia insulare.

i) nato nel Comune di Venezia e attualmente residente altrove.

SI IMPEGNA A

  1. fornire entro e non oltre il 28 febbraio i documenti necessari in caso di accoglimento della richiesta
  2. rispettare le condizioni previste dal presente bando di gara in caso di erogazione del contributo, e sottoscrivere il contratto di accettazione relativo.

ACCONSENTE

al trattamento dei dati personali forniti con questa richiesta, la cui unica finalità è la formazione della graduatoria per l’erogazione del contributo.

Nome, cognome e data della richiesta:

da spedire con posta elettronica a: 25aprileVenezia@gmail.com

—————————————————————————————————————–

Avvertenze e informativa:

Responsabile del trattamento, ai fini della normativa sulla protezione dei dati personali è l’associazione 25 aprile in persona del presidente Marco Gasparinetti.

La richiesta di contributo non implica né richiede adesione all’associazione o al gruppo25 aprile.

Al fine di garantire trasparenza e imparzialità nell’erogazione del contributo, la graduatoria con i punteggi attribuiti alle richieste verrà pubblicata sulla pagina internet http://www.gruppo25aprile.org

Numero telefonico per chi desidera ricevere assistenza nella formulazione della richiesta: 345.3459663

Le richieste ricevute fuori tempo massimo (oltre la mezzanotte del 31 gennaio) non verranno prese in considerazione.

 

Bon domìadisdòto, Buon 2018 a..

A chi vive a Venezia, con l’auspicio che voglia e possa restare a vivere qui;

A chi desidera ritornare a vivere in Laguna, con l’augurio che quel desiderio possa realizzarsi al più presto;

A chi immagina un futuro stabile e non solo da “turista” in questa città d’acqua unica al mondo, con l’auspicio che il sogno possa diventare realtà e che l’innesto di nuove energie possa ancora una volta far risorgere Venezia dalle sue ceneri, come era stato nei secoli passati dopo ogni epidemia;

A chi tutti i giorni attraversa il ponte per lavorare a Venezia – e siete in 30 mila a farlo – pur non potendo o non volendo viverci, perché Venezia vive del vostro lavoro, spesso invisibile e non sempre retribuito come dovrebbe;

A chi ha scelto Venezia per i suoi studi superiori o universitari, pur sapendo che al termine degli studi dovrà fare le valigie perché la monocultura turistica non offre sbocchi professionali agli studi intrapresi;

A tutte le realtà associative e alle singole persone che si prendono cura della città e di chi ci vive;

A chi con noi condivide l’aspirazione ad una città a misura d’uomo, di donna e di bambini;

A chi dimostra rispetto per questa nostra battaglia, a chi la condivide e a chi semplicemente ha l’onestà intellettuale di riconoscere che una città con la storia millenaria di Venezia non merita di essere ridotta a semplice villaggio turistico,

il nostro augurio di BUON ANNO e buon vento per i progetti che vi stanno a cuore e per i sogni che vi scaldano il cuore!

Ai giornalisti che hanno avuto la pazienza di seguirci su questo blog, il merito di far conoscere le nostre proposte e le nostre proteste, il coraggio di offrire ai lettori anche una versione diversa da quella “ufficiale” delle veline del sindaco in carica, un augurio particolare e un invito:

il 3 gennaio 2018 alle 12

per la conferenza stampa di presentazione del bando di gara con cui daremo un piccolo ma tangibile segno di aiuto a chi cerca casa nella Venezia insulare, con la somma raccolta grazie al primo calendario concepito e realizzato a sostegno della residenzialità:

01

 

Un 2017 straordinario, grazie a persone straordinarie

20 gennaio, l’affollatissimo incontro pubblico all’Ateneo Veneto per presentare le nostre 20 proposte – che con l’anno nuovo verranno aggiornate, completate e discusse  (ne parleremo alla conferenza stampa di Buon Anno, il 3 gennaio):

pubblico 2

la stampa

collage

2 luglio, 2 mila persone in corteo per dire “Mi no vado via”:

Andrea Sperandio

Locandine

 

NV 3 luglio

Gazzettino1

29 agosto, altra data indimenticabile: la nostra sottoscrizione popolare fa rivivere il cinema all’aperto in campo San Polo, con 50 volontari a garantire la perfetta riuscita dell’evento:

Foto Lillo 1

30 agosto corriere

 

ALTOFE 2

Novembre, una trilogia di eventi per dire “basta alberghi”, culminata con la pioggia di volantini alla “prima” della Fenice:

Nino Esposto 4

Lillo1

Julia 24 novembre.jpg

http://corrieredelveneto.corriere.it/venezia-mestre/cronaca/17_novembre_25/pioggia-manifestialla-prima-fenicebasta-alberghi-venezia-vuole-vivere-c20db3b2-d1af-11e7-a2a9-2c18c4fdfd63.shtml

2017, un anno straordinario per un gruppo affiatato e determinato, che è ormai presente a 360 gradi sui grandi temi cittadini, ha organizzato eventi e manifestazioni con cadenza mensile (questa rassegna ne ricorda soltanto 4, ma fra le più riuscite potremmo citare anche il “pandAmonio” di febbraio e il flashmob a Santa Fosca) e da quest’anno si è dotato di un braccio finanziario: l’associazione 25 aprile Venezia, che ha realizzato il primo calendario veneziano, ma di questo riparleremo stasera con gli auguri per il 2018.

Buon “veglione” a tutti e che questa carrellata di fine anno sia l’occasione per riflettere su quanto di buono abbiamo già fatto insieme, prima di gettare le basi per un 2018 che sarà ancora più scoppiettante. Non è una minaccia, ma una promessa.

Il gruppo25aprile

 

 

 

Faraonate virtuali del sindaco e città reale

Venezia si ritrova con un sindaco che oggi, nella conferenza stampa di fine anno, ha pomposamente annunciato:

a) semafori e telecamere nelle nostre calli, come se fossimo a Milano e come se questa fosse una soluzione quando i flussi turistici vanno invece regolati a monte e non “a valle” (piazza San Marco) con trovate folkloristiche buone soltanto per buttare i soldi del contribuente al vento;

b) un faro “Ramses 2” che produrrà “un fascio di luce alto 12 chilometri, perché” – ha testualmente spiegato nel comunicato stampa ufficiale – “Porto Marghera si deve vedere e va proiettata in un futuro di crescita e sviluppo”.

Il senso delle priorità di chi vive e lavora a Venezia è ben diverso, si chiama vita reale. I nostri iscritti hanno votato un sondaggio interno con queste richieste:

  1. Destinare risorse alla residenzialità, cosa che finora non è stata fatta;
  2. Smetterla di vendere i beni comuni;
  3. Bloccare l’apertura di nuovi alberghi;
  4. Stabilire una soglia di carico per il numero di turisti che possiamo accogliere;
  5. Prendere misure concrete contro il moto ondoso che sgretola le nostre rive;
  6. Contrastare la chiusura di botteghe artigiane e negozi di prossimità;
  7. Migliorare il servizio di trasporto acqueo che è al collasso.

Ci sfuggono invece l’urgenza e l’importanza delle grandi innovazioni oggi annunciate dal sindaco e il costo del faro “Ramses” per la collettività, nello stesso giorno in cui l’ANSA ci annuncia questa stangata di Capodanno, con bollette in rialzo del 5%:

http://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2017/12/29/gas-e-luce-aumento-del-5-53-a-gennaio_ca4f2512-ddff-429a-8e6d-7fcbe6bd7f55.html

Al sindaco che ci vuol rifilare (a spese nostre) un sontuoso faro con il nome di un faraone, diciamo semplicemente:

basta fanfaronate o faraonate, i problemi che attendono risposta sono ben altri: lasci perdere il suo faro d’Egitto e cominci ad occuparsi dei problemi veri.

calamaio-e-penna-vettoriale_622748

 

 

 

 

Assemblea ordinaria per un calendario non ordinario

L’associazione 25 aprile si riunisce domani 27 dicembre con un unico punto all’ordine del giorno: la destinazione del gettito prodotto da un calendario unico al mondo per caratteristiche, concezione grafica e finalità.

01

L’associazione è “braccio finanziario” del gruppo 25 aprile e ne esegue le decisioni quando queste richiedono copertura finanziaria, verificandone la fattibilità e assicurandone la corretta rendicontazione contabile, come è stato per il cinema all’aperto in campo San Polo.

I soci fondatori dell’associazione sono stati convocati nei termini previsti dallo statuto, che prevede anche la pubblicazione di ordine del giorno e delibere sul blog del gruppo25aprile al fine di garantirne trasparenza e conoscibilità anche all’esterno del gruppo.

Il calendario è stato prodotto in tiratura limitata e su prenotazione, con una finalità ben precisa: finanziare un progetto concreto per la residenzialità, che verrà illustrato il 3 gennaio, nella conferenza stampa di inizio anno. Il 100% del gettito prodotto verrà dedicato in via esclusiva a tale finalità con il meccanismo del fondo di scopo, ed è questo il motivo per cui non ci siamo affidati ad intermediari per la distribuzione, che è stata interamente garantita dai nostri volontari.

02

Realizzato dalla Etra Comunicazione di Alessandro Toso Fei, il calendario si caratterizza per una grafica esclusiva che evidenzia le date care ai veneziani e di quelle utili, “sagre” locali comprese perché sono momenti di convivialità e aggregazione dei residenti al di fuori dei circuiti turistici.

Ad illustrare i singoli mesi sono state scelte delle foto rappresentative di alcune fra le molte iniziative che hanno caratterizzato l’attività del gruppo. Un grazie ai fotografi che le hanno cedute a titolo gratuito; i loro nomi figurano nella pagina riepilogativa dei 12 mesi.

03

L’idea è che questo sia il primo di una lunga serie; commenti e suggerimenti sono quindi graditi e ci aiuteranno a farne uno ancora più bello per l’anno prossimo.

Per questa prima edizione non abbiamo cercato né accettato sponsor ma l’eventualità potrebbe essere presa in considerazione per l’anno prossimo, una volta che la finalità benefica dell’operazione diventerà di pubblico dominio con la conferenza stampa del 3 gennaio e ognuno potrà valutare se ne condivide lo spirito.

Buone Feste

e un grazie speciale a chi ha avviato questa esperienza pilota curandone la concezione, la realizzazione e la distribuzione. Nei prossimi giorni pubblicheremo anche la lista dei nostri “mecenati” (gli acquirenti del calendario) come è stato fatto per il cinema all’aperto di campo San Polo.

Navigazione articolo